Alviani, Getulio

Alviani

Getulio Alviani. Nasce a Udine. Fra i più interessanti esponenti delle sperimentazioni Cinetico-Visuali in Italia, ha realizzato stoffe stampate

Getulio Alviani. Nasce a Udine nel 1939. Fra i più interessanti esponenti delle sperimentazioni Cinetico-Visuali in Italia, ha realizzato stoffe stampate, abiti e gioielli con la stessa concezione alla base dei suoi lavori d’arte. Come le Superfici a testura vibratile assumono diverse configurazioni a seconda dell’incidenza della luce e del movimento dello spettatore, così i suoi tessuti stampati, realizzati da Germana Marucelli nel 1964 in diverse varianti di due colori contrastanti, si trasformano a seconda dei movimenti del corpo. Sempre nel ’64, crea ancora con Marucelli Positivo/Negativo, un abito da sera lungo e senza maniche. Dopo il debutto nell’atelier Marucelli di Milano, i modelli sfilano quell’anno, anche a New York, alla Rizzoli e all’Istituto Italiano di Cultura. Del ’65 è l’abito Cerchio+Quadrato, mentre del ’66 è il costume da bagno Bath Tape realizzato con Rudi Gernreich.

Alviani
Getulio Alvani.

Alviani ha inventato anche diversi gioielli basati su abbinamenti e contrasti di materiali e colori dall’orecchino a disco del ’65 all’anello 1+2+3+4=10=1 con quattro fedi d’oro di diversi colori.

A giugno del 2003 si tiene a Trieste la mostra Imagerie Art Fashion, organizzata dall’associazione culturale Gruppo 78 in collaborazione con la municipalità e la Regione Friuli-Venezia Giulia. Il connubio tra moda e arte, argomento della rassegna-evento, è rappresentato dalle superfici vibratili dell’artista e dalle collezioni create per la Marucelli.

Nel 2007 espone al Museo Nacional Centro de Arte Reina Sofía di Madrid. Nel 2013 partecipa alla mostra collettiva Dynamo – un siècle de lumière et de mouvement dans l’art 1913-2013, al Grand Palais di Parigi.

Sposato in prime nozze con Angela Maria Brollo ed in seconde nozze con Anna Palange, muore a Milano il 24 febbraio 2018.