Daniel Del Core
Brand e Fashion designer,  D

Del Core, Daniel

Daniel Del Core è un designer italo-tedesco. Ha debuttato con il suo marchio a febbraio 2021 durante la Milano Fashion Week

Daniel Del Core nasce nel 1989 in Germani da madre tedesca e padre italo-tedesco. Lascia la Germania a 16 anni per studiare arte, ceramica e scultura in Italia. Poi completa i suoi studi in arti visive e moda allo IED di Milano. Conseguita la laurea inizia a lavorare prima da Dolce & Gabbana, poi da Versace e da  Zuhair Murad. Successivamente si trasferisce a Roma per lavorare da Gucci affiancando Alessandro Michele. Qui, viene nominato responsabile dell’atelier VIP: un’esperienza che gli ha permesso di lavorare con artisti del calibro di Björk, Lana Del Rey, Beth Ditto, Dakota Fanning e Florence Welch.

Dalla spiccata sensibilità teatrale, Del Core si ispira a Galliano e McQueen ma anche al lavoro degli artigiani di un tempo, soprattutto per la complessa costruzione strutturale e materica dei suoi capi. 

Il marchio Del Core

Nel 2021 decide di mettersi in proprio e iniziare la sua personale avventura nella moda. Nasce così il marchio Del Core con la volontà di creare pezzi su richiesta con il prêt-à-porter, creando abiti spiccatamente femminili pensati per occasioni speciali, così come proposte adatte alla vita quotidiana.

Debutta a febbraio 2021 durante la Milano Fashion Week con Collezione Zero, una collezione che nasce  da una riflessione sul ciclo di creazione e distruzione della natura: cambiamenti di stato, rigenerazioni, trasformazioni.

Del Core, collection zero
Del Core, collection zero

Quello di Del Core è stato l’unico spettacolo  in presenza con un piccolo pubblico. La location era la Cittadella degli Archivi, un complesso di anonimi edifici amministrativi dove sono conservati gli archivi del Comune di Milano. Il luogo asettico ha creato un netto contrasto con la teatralità della collezione. Gli abiti erano eccentrici, con influenze couture, ispirate alla fantascienza e alla bioluminescenza.

Alla base del progetto Del Core c’è l’idea che la bellezza non sia statica ma un atto di apertura ad una visione estetica viva, fluida. Infatti, le collezioni sono in continuo divenire, in un sistema in cui una completa l’altra, definendo un guardaroba completo. Integra capi su misura con il prêt-à-porter. Ma il prêt-à-porter di Del Core strizza l’occhio alla couture. Manipola tessuti e materiali seguendo i dettami dell’artigianalità italiana.

daniel del core milano fashion week
daniel del core milano fashion week

 

Leggi anche:

La corsa di Gucci verso una moda sostenibile

Per la pe22 Valentino torna a Parigi e si prepara ad un nuovo inizio

Dolce&Gabbana alla Scala: omaggio all’opera