Calvert Williams
Brand e Fashion designer,  C

Calvert, William

William Calvert: “Non disegno abiti per essere appesi”

William Calvert. Studia in Italia all’Accademia Italiana della Moda di Firenze e muove i primi passi nel mondo della couture a Parigi, nel 1991. Lavora nelle maison più prestigiose come: Pierre Balmain, Rochas, Balenciaga. Nel 1994, torna negli Stati Uniti, disegna una collezione per Diane von Furstenberg e, nel ’96, una per Brooks Brothers.

Nel ’97 dà vita al marchio William Calvert e sfila, l’anno seguente, con la sua primissima collezione. Dopo le sfilate autunno-inverno ’99 di New York, il settimanale Time lo ha definito come uno degli stilisti più promettenti del 2000. Sulle pagine della rivista si elogia la sua creatività, definita “una luce in fondo al tunnel”.

La sua moda è geometrica. Come sostiene lo stesso Calvert, indossabile. I suoi, sono abiti Couture di impronta classica, con gonne ampie sostenute da tulle, scolli generosi, tonalità seriose come il nero che si accende con tonalità vitaminiche.

Nel 2001 il suo marchio si evolve in Alta Moda e riceve diversi riconoscimenti come lo Spirit of Design Award nel 2009 e il National Arts Club Innovator award nel 2011. Negli anni, sviluppa anche una linea Bridal.

La sua filosofia è: “Non disegno abiti per essere appesi”.

 

Leggi anche

Le sexy amazzoni di Balmain

Il mondo dei videogame di Balenciaga

Rochas e la generazione Z