baiadera
B,  Indumenti, icone di stile, stili e tessuti

Baiadera

Baiadera è un tessuto stampato a fasce multicolori parallele e in contrasto. In origine era solo di seta, poi in altri filati, dal cotone al rayon. Indica anche un vestito tipico delle danzatrici indiane, che dai fianchi scende fino a terra, con gonne aperte davanti e ampi pantaloni drappeggiati e fermati alle caviglie.

L’etimologia del nome è discussa. Dal prestito dal francese bayadère (con numerose attestazioni: nel 1638 balhadera, nel 1770 balliadère e infine nel 1782, bayadère); portoghese bailar = ballare da cui bailadeira = ballerina e da qui bajadera, nome con cui loro indicavano certe ballerine indiane dai costumi variopinti; supponibilmente, però, la diffusione della voce in Europa sarebbe dovuta alla popolarità della lirica di Goethe Der Gott und die Bajadere del 1797.

In seguito il termine baiadera designò genericamente molti tessuti dal taffetà al raso, dal batavia alle armures, fatti con filati diversi, dalla seta al rayon, dal cotone ai sintetici, aventi come caratteristica comune i colori vivacissimi. I disegni vanno dalla fantasia ai geometrici semplici, dai rigati ai barrati. Hanno impiego nella sciarperia, nell’abbigliamento femminile e in cravatteria.

Leggi anche:

Abaca