Abercrombie&Fitch
A,  Brand e Fashion designer

Abercrombie & Fitch

Abercrombie & Fitch è un rivenditore americano di abbigliamento casual per ragazzi e ragazze di età adolescenziale

Abercrombie & Fitch ha come logo ufficiale l’alce.

L’azienda è stata fondata nel 1892 a Manhattan da David T. Abercrombie e Ezra H. Fitch, occupandosi di fornire prodotti sportivi e d’escursione d’èlite. Il marchio era particolarmente noto per i suoi fucili, le sue canne da pesca e le sue tende costose. Nel 1977 A&F chiude il suo monomarca di New York a causa di bancarotta. Il marchio torna ad essere presente quando nel 1978-79 Oshman’s Sporting Goods, azienda proprietaria di un catena di negozi sportivi con sede a Houston, acquista il nome e la mailing list dell’azienda. Oshman rilancia Abercrombie & Fitch come rivenditore per corrispondenza in abbigliamento da caccia e oggetti di novità. Nel 1988 Oshman vende il nome della società e delle sue operazioni a The Limited, una catena d’abbigliamento con sede a Columbus, Ohio.

Abercrombie&Fitch
Modelli di Abercrombie&Fitch

L’azienda possiede, inoltre, altri tre marchi: Abercrombie Kids, Hollister Co. e Gilly Hicks.

The Limited riposiziona il marchio sotto la direzione di Michael F. Jeffries, Presidente e Amministratore Delegato di Abercrombie & Fitch dal 1996. L’azienda possiede, inoltre, altri tre marchi: Abercrombie Kids, Hollister Co. e Gilly Hicks. Nel complesso la società gestisce 1.069 negozi con 9.000 impiegati full- time e 76.000 part- time. Il brand A&F ha 325 sedi negli Stati Uniti, 4 in Canada, una a Londra, Milano, Tokyo, San Juan, Copenhagen, Madrid, Parigi, Bruxelles, Düsseldorf e Dublino. Le prossime aperture sono a Hong Kong e Amburgo.

 Abercrombie & Fitch rappresenta attraverso il proprio prodotto un lifestyle puramente americano che si rifà all’estetica salutistico/sportiva nazionale. Il suo successo internazionale è legato alla campagna pubblicitaria affidata al fotografo americano Bruce Weber, portavoce mondiale dell’american lifestyle e all’introduzione nei negozi di commessi selezionati per la loro fisicità che diventano essi stessi modelli e interpreti dell’estetica americana di massa. Il richiamo sessuale della strategia di comunicazione e di marketing indirizzata al mercato giovane e pre adolescenziale è alla base del successo del marchio.

Weber per Abercrombie&Fitch
Weber per Abercrombie&Fitch

Nel 1997 hanno accusato la società di promuovere la sessualizzazione delle ragazze in età pre-adolescenziale, arrivando a vendere dei bikini imbottiti a delle bambine di 7 anni. L’azienda è riuscita, comunque, sempre a mantenere un alto profilo agli occhi dell’opinione pubblica grazie all’autorialità delle sue campagne pubblicitarie affidate a fotografi di indubbio valore, al suo piano marketing e alla sua filantropia.

Leggi anche:

Victoria’s Secret

La sartorialità casual dell’uomo Kiton

Il fallimento di topshop: è la fine di un’era?