Wrangler

Marca americana di blue-jeans in stile western, fondata nel 1947. Forse il nome, quello di un famoso campione dei rodei, era già stato adottato dalla Globe Superior Manufacturing Company, un’azienda di Abdingdon nell’Illinois, nata nel 1889. Per altri, invece, è riconducibile alla Blue Bell Manufacturing Company che aveva sede a Greensboro, nel North Carolina. Le due aziende producevano tute da lavoro e pantaloni in denim blu. Nei primi decenni del ‘900, la Blue Bell divenne leader di mercato grazie anche all’unione con la Big Ben Manufacturing e la Jellico Clothing (1926). Nel ’31, introdusse un nuovo processo che limitava il restringimento della tela denim dopo il primo lavaggio, rendendo i capi sempre meno informi e più adattabili alla moda. Nel ’36, si fuse con la Globe Superior. Dieci anni dopo, quel matrimonio diede vita alla Wrangler, il cui stile fu affidato a Rodeo Ben, maestro hollywoodiano dei guardaroba western. Vennero poi lanciate collezioni per bambini ispirate a David Crockett e ai personaggi di Walt Disney. Fu, poi, la volta del rivoluzionario modello 13 Mwz con la patta a cerniera. Negli anni ’60 e ’70, segnati dall’avvento del jeans come simbolo di ribellione, la Wrangler moltiplicò cuciture e tasche, affidando una collezione a Peter Max, un fashion designer particolarmente fantasioso. Nell’87 è stata inglobata dalla VF Corporation, il gigante americano del tessile.