MARC JACOBS

Famoso stilista americano, è stato direttore creativo di Louis Vuitton per 16 anni. Nel 1994 ha inaugurato il suo brand.

Indice

  1. Le origini
  2. Marc Jacobs fonda il suo brand
  3. Premi e inaugurazioni
  4. Collaborazioni ed eventi
  5. Marc Jacobs lascia Louis Vuitton
  6. Situazione attuale

Le origini

Marc Jacobs (1963) è un designer americano originario di New York City. Dopo essersi diplomato alla High School of Art and Design nel 1981, ha frequentò la Parson’s School of Design dove si laureò nel 1984 con ottimi voti, ottenendo ben tre riconoscimenti. Nello stesso periodo, disegnò la sua prima collezione artigianale di articoli di maglieria per Ruben Thomas Inc. Lo stesso anno fondò una società con Robert Duffy, la Jacobs Duffy Design.

Marc Jacobs
Marc Jacobs

Nel 1986 Jacobs disegnò la prima collezione di prêt-à-porter per Kathiyama USA. Due anni dopo, di grande impatto fu il suo show in un enorme parcheggio a New York. Nel 1989 Jacobs e Duffy si unirono a Perry Ellis. Duffy venne nominato presidente e Jacobs vice-presidente della linea d’abbigliamento donna.

A Jacobs piaceva scommettere con se stesso su quanto in alto potesse arrivare, spingendosi a rischiare e nel 1992 con una collezione che la stampa definì “Grunge”. Gli costò il suo contratto con Perry Ellis. Il mondo della moda e della critica, tuttavia, ne furono entusiasti e, ironia della sorte, quella stessa collezione fece vincere a Jacobs il premio  del CFDA Designer of the Year.

Marc Jacobs fonda il suo brand

Nell’autunno del 1993 fondò la Marc Jacobs International Company. Nel 1994 firmò la sua prima licenza per Renown Look e per Mitsubishi per la distribuzione in Giappone. Poco dopo, firmato una licenza per la collezione di scarpe uomo e donna con Iris, che aveva lo stabilimento vicino a Venezia.

Jacobs continuò a lavorare con altri marchi per finanziare il suo progetto. Nel 1996, mentre lavorava per Iceberg a Milano, ricevette una telefonata da Bernard Arnault, CEO di LVMH, che era alla ricerca di giovani talenti per la sua maison francese. Nel gennaio 1997, Jacobs fu nominato direttore artistico di Louis Vuitton. Le trattative portarono anche alla decisione di finanziare l’etichetta Marc Jacobs, che LVMH inglobò immediatamente nel suo impero.

Le enormi responsabilità, l’ingente carico di lavoro, portarono Jacobs verso la droga, a tal punto che fu costretto alla riabilitazione. Molte persone gli stettero accanto: tra di loro la direttrice di American Vogue Anna Wintour e l’amica e modella Naomi Campbell. Due anni dopo, nel 1999, ripulito, si dedicò alla prima linea prêt-à-porter firmata Louis Vuitton, espandendo al contempo il proprio brand.

Marc by Marc Jacobs primavera 2015
Marc by Marc Jacobs primavera 2015

Nel 2001 Jacobs e Duffy presentarono una seconda linea Marc by Marc Jacobs, che comprendeva scarpe, borse e accessori. Le scarpe uomo e donna furono il risultato di un accordo firmato con il calzaturificio Rossi Moda S.p.A.. A settembre, il designer lanciò la sua prima fragranza, la Marc Jacobs Perfume.

Premi e inaugurazioni

Nel 2002 il Council of Fashion Designers of America nominò Marc Jacobs Menswear Designer of the Year; nel 1998/99, nel 2003 e nel 2005 Accessories Designer of the Year; nel 2010 Womenswear Designer of the Year. Nel dicembre 2003, il brand Marc Jacobs debuttò con una collezione di arredamento.

Marc Jacobs, CFDA 2010, Womenswear Designer of the Year
Marc Jacobs, CFDA 2010, Womenswear Designer of the Year

Nel 2004, dopo un lucroso rinnovo contrattuale con LVMH, il brand adottò nuove strategie per estendere la sua portata geografica e le entrate. Fu un anno intenso, se si considera anche il lancio del primo negozio multimarca negli Stati Uniti, a Newbury Street, Boston. Ad agosto, furono aperti nuovi negozi a Shanghai, a Pechino e a Chengdu, grazie all’accordo con Imaginex. Vi fu anche un altro evento importante: la terza fragranza donna, Blush, fu lanciata grazie all’accordo con il noto gruppo Lancaster.

Marc Jacobs Blush
Blush

Inoltre, il marchio americano Fossil stipulò un accordo di licenza con l’azienda per la produzione e la distribuzione di orologi donna e uomo, sotto il nome Marc by Marc Jacobs. Le nuove linee furono prodotte in Svizzera e vendute nelle boutique Marc Jacobs e in alcuni department store selezionati in tutto il mondo. L’italiana Sàfilo S.p.A. iniziò la produzione di una collezione di occhiali, che doveva essere messa in vendita dalla primavera dell’anno successivo.

Marzo 2005 segnò l’apertura di molti punti vendita: due a Los Angeles in Melrose Place e uno in Florida, a Bal Harbour. A giugno, Marc Jacobs ricevette il premio Fashion Designer of America per l’abbigliamento donna. Nell’agosto del 2005, il brand lanciò la linea di abbigliamento per bambini, la Little Marc.

Marc Jacobs Store di LA
Store di LA

Nel gennaio 2006, la società aprì il primo negozio monomarca in Rue Montpensier a Parigi, una boutique di 150 mq. Le collezioni venivano distribuite in dodici negozi monomarca negli Stati Uniti e tredici negozi monomarca in Asia.

Il 2007 fu un anno ricco di eventi, tra cui il lancio della prima collezione eyewear, la nuova Marc Jacobs Home Fragrance Collection e la prima fragranza Daisy. Nel 2009, Marc Jacobs vinse la 37a edizione del Premio FiFi Fragrance Foundation, ricevendo il Hall of Fame.

Marc Jacobs vincitore della 37° edizione del premio Fifi
Marc Jacobs vincitore della 37° edizione del premio Fifi

Collaborazioni ed eventi

Nel 2010 vi furono molte collaborazioni e altrettanti eventi degni di nota, come l’installazione delle scarpe da balletto indossate dalle ballerine dell’Opéra Garnier, in occasione dell’apertura del negozio al Palais Royal. Il 2010 fu anche l’anno della campagna pubblicitaria della prima fragranza maschile, Bang. Gli scatti rappresentavano lo stesso designer, completamente nudo, sdraiato su lenzuola d’argento, coperto solo da un’enorme bottiglia di profumo.

Marc Jacobs Bang
Bang

Sempre lo stesso anno, Marc Jacobs aprì una catena di librerie a New York e a Los Angeles, la Bookmarc. Un libro dedicato al suo entourage creativo venne pubblicato con il titolo “The Men + Women Of Marc Jacobs“, volume di 300 pagine, in edizione limitata, che illustra il mondo e la vita dello stilista attraverso gli scatti del fotografo Brian Bowen Smith.

Nel 2012, Bookmarc sbarcò anche in Europa, a Londra e a Parigi. Un anno dopo, Marc Jacobs si fece sostenitore della lotta al cancro, creando una limited edition di shopping bags con lo slogan “Fight Like A Girl“. Tutti i ricavi dell’iniziativa furono devoluti alle associazioni Action Breast Cancer e Europa Donna Ireland.

Marc Jacobs Bookmarc store
Bookmarc store

Marc Jacobs lascia Louis Vuitton

Nell’ottobre 2013, Marc Jacobs diede le dimissioni, lasciando il ruolo, che teneva dal 1997, di direttore creativo di Louis Vuitton, con l’intento di concentrarsi unicamente sulle sue linee.

Marc Jacobs Ultimo fashion show Louis Vuitton di Marc Jacobs
Ultimo fashion show Louis Vuitton di Marc Jacobs

Nel 2014, Marc Jacobs, per trovare il volto della campagna autunno/inverno 2014 della sua seconda linea, Marc by Marc Jacobs, si affidò a Twitter e Instagram, usando l’hashtag #CastMeMarc, creato appositamente dal suo team.

Nel marzo 2015, Marc Jacobs annunciò la chiusura del suo secondo marchio, Marc by Marc Jacobs, per concentrarsi sullo sviluppo del brand principale, Marc Jacobs, rivolto ad un pubblico più abbiente.

Situazione attuale

Marc Jacobs Sfilata autunno/inverno 2017
Sfilata autunno/inverno 2017

A settembre 2016, lo stilista presentò la collezione primavera/estate 2017 con uno stile punk moderno, ispirato al design rave degli anni ’80 e da persone come Boy George e Marilyn Manson. Nella collezione autunno/inverno 2017 ha realizzato la New York 67th Street Armory, una passerella in cui le modelle sfilarono attraverso due lunghe file di sedie pieghevoli senza alcun tipo di musica.