Brown

Definito nell’ambiente "uomo marketing di se stesso", la sua ascesa è costellata di successi, a partire dal suo esordio presso il sales floor di Giorgio Armani, a cui segue una collaborazione con la catena di negozi Club Monaco, fino al 2005, anno in cui apre uno store a Down Town, New York, all’interno del quale effettua elaborazioni sartoriali su misura. Nel 2006 riceve un riconoscimento molto importante, il CFDA (Council of Fashion Designer of America), che afferma la sua capacità creativa. Il 2007 rappresenta l’anno in cui si consacra al grande pubblico anche oltre Oceano, grazie alla collaborazione stilistica con uno dei brand storici negli Stati Uniti "The brooks brothers". Le sfilate del designer rappresentano delle vere e proprie performance artistiche: ironia, rigore, creatività e sartorialità sono alcuni tra gli elementi presenti, per evidenziare lo spirito di un "flaneur" contemporaneo omologo del più famoso "dandy" inglese. Abiti di ispirazione collegiale infarciti di dettagli sartoriali, dalle linee asciutte, dai colori molto sobri e dall’aspetto fitness chic sono caratteristici del brand.