Blundell

Pamela (1967). Stilista inglese, in proprio, dopo avere sciolto il sodalizio con il connazionale Copperwheat con il quale ha fatto coppia per tutti gli anni ’90. Punto di forza della sua moda, è l’atemporalità. Propone capi che non sono di moda e non passano di moda: questo crea il suo stile. Non vuole stupire e tanto meno provocare: trasmette continui echi di sartoria, e infatti ci tiene a precisare che fa "tailoring for woman", insomma, il su misura, nuovo trend londinese. Non ricorre a gag di passerella per conquistare la platea: conta l’essere più che l’apparire. Capace di disegnare la mappa del buon gusto, senza trascurare l’ironia. E se la cava molto bene anche nel casual, perché nella performance di Milano Moda Donna (marzo 2003), hanno avuto successo i jeans disegnati per Evisu.