Bini

Si è laureata in Architettura. I primi passi nel mondo delle passerelle li muove disegnando accessori per Curiel, Blumarine, Karl Lagerfeld, Ferré e Chanel, poi si avventura in una sua linea vendendo nei corner del Guggenheim Museum di New York o Palazzo Grassi di Venezia. Il suo diktat è "sperimentare" tanto che alle sfilate di Milano 2002 si è ritagliata uno spazio di cartone con case disegnate. Una delle sue linee più note è la "undersize", sottotaglia per piccole donne "fuori misura". Vestiti da bambino scuciti e incollati su una nuova struttura, elastica. 

La sua moda, molto curata nei dettagli costruttivi e nella lavorazione, con uno stile mirato a una donna sicura e pronta a esibire la propria personalità e ironia, sottolinea l’aspetto ludico del vestire. Nella primavera 2003 Gentucca Bini decide di aprire il suo primo punto vendita a Saint Tropez, fuori dai vari quadrilateri della moda, nel piccolo borgo sopra il porto vecchio, seguito poi da un negozio a Milano.