Assunta

Pellicceria romana fondata da Assunta Aguccioni che iniziò da Balzani nel 1937 ma sin dal ’42 si mise in proprio, collaborando con Forquet, Carosa, Lancetti e Valentino. Nel ’69, vinse il premio cinematografico Maschera d’Argento per una pelliccia a "tegola", ispirata alla romana Chiesa di Santa Maria del Popolo. Confezionò pellicce lunghe e svasate, pantaloni sportivi in ermellino, intarsi fioriti e bermuda di visone. Nel ’69 si avvalse della collaborazione del fashion designer Alberto Lattuada che realizzò per la maison la collezione Esquimo nella quale i mantelli erano lavorati a mattonelle di persiano intarsiato. La collezione Ninotschka del ’71-’72 presentava capi in agnello di Crimea. Ha saputo proporre anche eleganti mantelli di cincillà, di zebra e di visone lavorato orizzontale. Tra le sue clienti, Romy Schneider.