Armor-Lux

Lo ha creato a Quimper in Bretagna nel settembre 1938, nei giorni della falsa pace di Monaco, lo svizzero tedesco Walter Hubacher (1907), con due soci, Daniel Bloch e Charles Perrenot. Hubacher aveva alle spalle 16 anni di esperienza e di lavoro in grosse aziende di biancheria intima e di abbigliamento. L’avvio è eccellente, ma, nel 1942, la mancanza di materie prime costringe alla chiusura l’azienda, che però può ripartire, sia pure da zero, nel ’45. Una ripresa stentata, comunque, fino al ’59 quando Hubacher ottiene i pieni poteri, investe, per 9 anni, il 7,20 per cento del fatturato in nuovi impianti. Il risultato è un’espansione del 20 per cento l’anno. Nel ’93, l’ottantaseienne Hubacher cede la maggioranza a Jean-Guy Le Floch, che moltiplica i marchi, punta al mercato asiatico, chiama lo stilista giapponese Zucca a disegnare una collezione e aumenta i redditi da esportazione.

2002, settembre. Il marchio bretone sponsorizza il giro del mondo in solitaria del navigatore Bernard Stamm.

Aggiornamento. Una quarantina sono i negozi Armor-Lux in Francia, 635 i dipendenti che producono circa 20.000 capi ogni giorno: 4 milioni di articoli vengono venduti ogni anno, con un 20 per cento che va al mercato europeo e giapponese.

Otto sono le collezioni prodotte ogni anno, tra cui Terre et Mer per donna, i capi in lana Guy de Berac, Britain Stock e i nuovi nati Armor Kids e Armor Baby.