Galasso

Nato a Francavilla Fontana, in provincia di Brindisi, ha iniziato la sua attività a Roma, con un primo negozio nel cuore dei Parioli. Nel ’98 si trasferisce a Londra dove apre una boutique in pieno centro, accanto ai grandi magazzini Harrods. Diventa subito celebre, portando nella capitale britannica idee nuove e un po’ trasgressive. Fra i suoi fans, l’attore Roger Moore, ex 007, il calciatore David Beckham, icona dell’eleganza maschile, Michael Caine, Simon Le Bon, e non ultimo Paul McCartney che, da bravo animalista, ha chiesto a Galasso scarpe in tessuto invece che in pelle. Le sue collezioni per uomo continuano a essere prodotte per la maggior parte in Italia. Nell’autunno del 2002, in un fotomontaggio del mensile GQ, il premier inglese Tony Blair è stato vestito per gioco nelle varie occasioni della giornata da varie griffe. La camicia Galasso indossata da Blair, battezzata Corleone-Interno 8, nome di chiara ispirazione mafiosa, è bianca, con asole blu e collo a tre bottoni. Ha avuto un enorme successo tra i londinesi. In pochi giorni, ne sono state vendute 800 mila. Non è stata rifiutata neanche da Blair che l’ha vista arrivare in omaggio al 10 di Downing Street. Nel 2003, l’ex Beatles McCartney ha scelto per il suo tour europeo 14 camicie firmate Interno 8.
Angelo Galasso ha trovato nel 2005 un partner in Flavio Briatore, tra loro ha inizio un sodalizio che si realizza nel lancio di una linea di alta moda maschile. Creano dunque il Billionaire Italian Couture, atelier nel cuore di Londra, dove prendono vita le creazioni dello stilista.