Fusco

Nato a Rocca Monfina in provincia di Caserta, stilista di cravatte, prima per hobby e, poi, come secondo mestiere da pratica nel tempo libero che gli lascia la sua prima professione: la chirurgia plastica, specializzazione conseguita a Milano dopo la laurea in Medicina e affinata attraverso corsi di perfezionamento negli Stati Uniti e in Brasile. Fusco è sempre stato un gourmet dell’eleganza, con l’attenzione verso il "particolare che fa la differenza". E la "differenza", o se preferiamo la punteggiatura dell’abbigliamento maschile, si sa, è la cravatta codificata soprattutto dalla sartorialità napoletana. Diventa sempre più attento nelle scelte e così esigente da non accontentarsi di ciò che gli offre il mercato. Decide, quindi, di rivolgersi a vecchi artigiani partenopei e chiede loro di confezionare soltanto per suo uso e piacere piccole scorte di cravatte uniche, con caratteristiche ben precise. Nessuna stampa, ma solo lavorazione jacquard, solo sette pieghe, fodera della stessa seta. Solo due modelli per ogni disegno e variante di colore. Ne omaggia gli amici selezionati. Il passaparola promuove la richiesta di amici degli amici, incantati da queste cravatte esclusive, realizzate con i migliori tessuti e corredate da un certificato che riporta la data di confezione e il numero di codice dell’archivio della seta, per un eventuale riordino. Cravatte-doc, chiuse nella busta sigillata con il logo impresso a cera. Insomma, l’hobby diventa piacevolissimo lavoro, e insieme relax, dopo le ore trascorse in sala operatoria. Nel dicembre 2002 inaugura la boutique milanese in via Montenapoleone, ampliata nel gennaio 2003.