Andrea Turchi

Il marchio Andrea Turchi nasce nel luglio 2000. Dopo varie esperienze all’interno di aziende come Byblos, Alessandro Dell’Acqua, lo stilista realizza il proprio desiderio di affermarsi sul mercato internazionale con il proprio marchio. Ogni capo realizzato parte da un’idea elaborata sul manichino e ciò non classifica necessariamente il capo come pezzo d’alta moda, ma anzi diventa nella sua unicità ripetibile anche industrialmente grazie a tecniche di lavorazione in scala innovative e proprietarie, condivise con i nostri laboratori. Tutto è Made in Italy: segno indelebile di distinzione che può ancora dar vita a una perfetta armonia tra stile, prodotto e business.

Alessandro Dell’Acqua

Stilista italiano, nato a Napoli nel 1962 e omonimo marchio d’abbigliamento e accessori.

La moda proposta da Alessandro Dell’Acqua avvolge la donna in linee semplici, moderne e femminili, che ne mettono in risalto la sensualità. Icone del cinema italiano come Silvana Mangano, Sophia Loren, Anna Magnani e Monica Vitti, sono la quintessenza della donna celebrata dalle creazioni dello stilista: forte e femminile, sensuale ed elegante allo stesso tempo.

Alessandro Dell’Acqua da sempre crede in una profonda sinergia necessaria tra arte e moda. Tra le diverse occasioni in cui le sue creazioni si sono legate a produzioni artistiche, resta celebre la sua collaborazione con la video artista e fotografa Vanessa Beecroft. Alla performance VB 46 presso la Gagosian Gallery di Los Angeles, le modelle scelte dalla Beecroft indossavano solo scarpe con punta e tacco altissimo in metallo firmate dallo stilista napoletano.

Alessandro Dell’Acqua è considerato uno tra gli stilisti italiani di nuova generazione di maggior talento.

La formazione artistica dello stilista comincia con l’Accademia de Belle Arti di Napoli, dove si diploma nel 1981. Dopo poco più di un anno, appena ventenne, comincia a lavorare per il gruppo Marzotto. In seguito arrivano collaborazioni con altre griffe importanti come Maska, Byblos e Gilmar. Nel 1985 firma un contratto come designer in esclusiva mondiale con Genny, prestigiosa maison per cui ai tempi stava realizzando una linea anche Gianni Versace. Qualche anno più tardi comincia a collaborare con Pietro Pianforini, il celebre designer di maglieria, diventando primo stilista del marchio omonimo nel 1988 grazie al particolare talento dimostrato nelle creazioni in lana, cashmere e jersey. Nel 1994 lancia una linea di maglieria A.A. Milano e nel marzo 1996 presenta la prima collezione donna autunno/inverno sulle passerelle di Milano Moda Donna.

E’ il battesimo del fuoco per lo stilista partenopeo che si presenta con una collezione prete-à-porter dal nome eccentrico e accattivante “Punk on a mediterranean woman” firmando il brand con il suo stesso nome. Combinando eleganti tagli sartoriali con sensualità e femminilità, la moda di Alessandro Dell’Acqua si guadagna l’attenzione di stampa e buyer che lo consacrano come emergente stilista italiano.

Il debutto per la collezione maschile avviene invece due anni più tardi, nel 1998, a Firenze, in occasione del Pitti Uomo, manifestazione leader del menswear internazionale.

Per ben due volte vince l’Oscar della moda: nel 2002 come Miglior Nuovo Stilista Donna e nel 2004 come Miglior Stilista della Nuova Femminilità. Nel 2000 oltre al lancio sul mercato della sua prima linea di calzature donna, viene nominato direttore creativo di Borbonese.

Tra le molteplici collaborazioni che si affacciano nel fitto curriculum dello stilista, ci sono quelle con Les Copains, Iceberg, Mariella Burani, Christian Lacroix e Dolce & Gabbana. La prima fragranza Alessandro Dell’Acqua (prodotta e distribuita da EuroItalia) viene presentata nel 2001 con una campagna pubblicitaria curata da Helmut Newton, con protagonista la top model Helena Christensen.

Sempre più conscio delle possibilità di mercato e sempre più apprezzato da pubblico e critica, nel marzo 2002 lo stilista crea una linea di occhiali con Visibilia Group. Sempre nel 2002, il designer debutta come direttore artistico di La Perla. La musa ispiratrice del designer è la controversa musicista rock Courtney Love, il cui stile viene reinterpretato secondo i dettami stilistici tipici dello star system holliwoodiano degli anni Cinquanta.

Nel 2003, un consorzio d’investitori guidato dalla famiglia Arpels acquisisce il 70% del brand del designer di Napoli. Arples vende una partecipazione del 20% in Van Cleef & Arples al gruppo Richemont, e acquisisce il gruppo Redwall, che produce borse e accessori con i marchi Borbonese Redwall, di cui Dell’Acqua è stato il designer per un lungo periodo di tempo.

Accordi di licenza che sono già in vigore per la produzione di profumi, scarpe e occhiali con il marchio Dell’Acqua restano invariati: questi sono, rispettivamente, EuroItalia, Iris e Visibilia.

Una nuova società all’interno del gruppo Redwall ottiene la licenza per la produzione della parte d’abbigliamento. Claude Arples viene riconfermato amministratore delegato di Redwall e Dell’Acqua rimane presidente e partner, con una quota del 30%.

Redwall Group chiude il 2002 con un fatturato di circa 40 milioni di euro (22.000.000 Redwall, 18.000.000 Dell’Acqua). Nel 2004 l’intraprendente stilista firma una licenza per la produzione e distribuzione di calzature maschili con Rodolfo Zengarini e con Ballin per quanto riguarda le linee donna. Sempre nel 2003, Alessandro Dell’Acqua lancia sul mercato la prima fragranza uomo. Nel 2004 avviene il lancio del sito www.alessandrodellacqua.com su cui è possibile prendere visione delle collezioni e trovare informazioni relative al brand.

Sempre nel 2004 viene aperto a New York, al 149 della Fifth Avenue, un negozio monomarca dove è possibile acquistare gli accessori e le collezioni uomo e donna. A partire dalla primavera/estate 2009, Alessandro Dell’Acqua prende il posto del duo creativo 6267 nella direzione creativa di Malo, il marchio di maglieria in cashmere del gruppo It Holding. La collaborazione terminerà poco dopo e coinciderà quasi con la chiusura della Alessandro Dell’Acqua.

Nel febbraio 2010 il designer torna sulle passerelle con la collezione N°21, il cui nome si riferisce alla data di nascita e numero fortunato dello stilista, e nel settembre dello stesso anno debutta sulle passerelle milanesi come direttore artistico della collezione donna di Brioni.