RIMMEL

mame dizionario RIMMEL pubblicità 1851

Fondata nel 1834 come una profumeria nel cuore di Londra, Rimmel è diventata una delle prime compagnie cosmetiche commerciali del mondo.

RIMMEL

Fondata nel 1834 come una profumeria nel cuore di Londra, Rimmel è diventata una delle prime compagnie cosmetiche commerciali del mondo. Si è guadagnata lodi non solo dagli aristocratici londinesi, ma anche dai Reali europei. La regina Vittoria è stata la più famosa e leale cliente del brand.

Indice

  1. Padre e figlio
  2. Le origini
  3. Storia di un mito
  4. Sviluppo del brand
  5. Coty Inc.
  6. Aspetto finanziario
  7. Famose partnership
  8. La filosofia etica di Rimmel
  9. La situazione attuale

PADRE E FIGLIO

La fondazione dell’impero britannico di cosmesi viene guidata da Hyacinthe Mars Rimmel, successivamente seguito da suo figlio Eugene. Hyacinthe è un acclamato profumiere francese, educato dal leggendario Pierre-Francois Lubin, il “naso” personale dell’Imperatrice Josephine. Non c’è dubbio che Hyacinthe sia stato un maestro delle fragranze, ma la Rimmel che conosciamo oggi non deve il suo grande successo solo a lui. Infatti, è stato il suo giovane figlio, Eugene, allora di soli 14 anni, a rivelarsi un vero e proprio genio, e un pioniere della profumeria più di quanto lo sia stato suo padre. Eugene è un imprenditore determinato e innovativo. Dopo pochi anni trascorsi sotto l’ala del padre, avvia i propri affari. Questa mossa audace lo lancia a livello internazionale e lo aiuta a costruirsi la reputazione di creatore di prodotti unici e fragfranze raffinate.

LE ORIGINI

La casa Rimmel viene fondata da Eugene Rimmel nel 1834 come una profumeria in Regent Street, a Londra. Eugene, nato nel 1820 in Francia, è responsabile della manifattura e del marketing dei primi cosmetici commerciabili. Il ragazzo si trasferisce a Londra quando suo padre accetta l’offerta di gestire una profumeria in Bond Street. Eugene lavora come apprendista per il padre e affina le proprie abilità come profumiere. A 24 anni, il giovane è ormai un esperto, oltre a essere una sorta di guru della cosmetica, e apre il suo primo flagship store in Regent Street.

mame dizionario RIMMEL eugene rimmel
Eugene Rimmel, fondatore del brand

Il giovane Rimmel è inarrestabile e scrive una considerevole lista di svolte nel campo della bellezza prima di aver compiuto trent’anni. Dall’introduzione di cataloghi ordinabili per posta, un’idea nuova di zecca nel mondo dei profumi e dei cosmetici, ai ventagli profumati per signore da utilizzare all’opera, in teatro o al balletto e biglietti di San Valentino profumati, la sua più memorabile e riconosciuta opera è la fontana di profumo creata per la Great Exhibition del 1851. Getti profumati di acqua di colonia vengono versati nella fontana, la quale può essere utilizzata per aromatizzare i fazzoletti dei visitatori.

Anche secondo gli standard odierni, la fontana è stata un’audace trovata pubblicitaria e di sicuro non ha fallito. Infatti, la sua fontana profumata cattura l’attenzione della regina Vittoria, la quale non solo diventa la patrona di Rimmel, ma lo nomina anche suo profumiere ufficiale. Questa nomina, di conseguenza, diffonde il suo nome e la sua fama in tutto il mondo. Durante la sua vita, Eugene colleziona ben 10 Royal Warrants, non solo da Vittoria ma da tutte le teste coronate d’Europa.

STORIA DI UN MITO

Da vero pioniere, Eugene non si accontenta di formulare e commerciare le sue fragranze e i suoi prodotti di bellezza. Si appassiona all’idea di diventare il “Re dei cosmetici e delle fragranze”, tanto da scrivere e pubblicare il Libro dei Profumi, una delle prime “bibbie di bellezza” che documenta il fascino delle fragranze e il galateo della bellezza. Ma l’autore non si ferma certo a una sola pubblicazione: seguono infatti l’Almanacco di Profumi di Rimmel, Memorie della Paris Exhibition del 1867 e il best seller vittoriano Scented Valentines.

mame dizionario RIMMEL vecchi prodotti rimmel
Alcuni prodotti Rimmel d’epoca

Ma quello che fatto guadagnare a Eugene Rimmel un posto nella storia della bellezza è stata la sua creazione del 1860, Superfin, il primo mascara commerciale non tossico. Nonostante le donne abbiano utilizzato per secoli varie pozioni e pomate per annerire le loro ciglia, la miscela di polvere di carbone e gelatina di petrolio di Eugene è un prodotto rivoluzionario. Sebbene confusa e instabile, la sua popolarità si diffonde in modo eclatante in tutta Europa. La parola “rimmel” o “rimel” diventa sinonimo del mascara e tutt’ora assume il significato di mascara in varie lingue, a dimostrazione dell’influenza su vasta scala del suo creatore nel mondo dei cosmetici.

SVILUPPO DEL BRAND

La Rimmel continua a lavorare sull’innovazione del mascara, mettendo a punto e migliorando Superfin e lanciando infine il Water Cosmetique. Sorprendentemente, questo oggetto non nasce come un prodotto per ciglia. L’originale Cosmetique della casa viene creato molto prima come una tinta per baffi, costituito da una mistura di saponi e pigmenti in uno stick solido mischiato con l’acqua, da applicare sui baffi con un pennello apposito per coprire i peli grigi e aggiungere colore. Si tratta di un prodotto molto popolare tra gli attori teatrali dell’epoca. Alla fine, la formula viene riadattata e, nel 1917, il prodotto viene lanciato come un mascara da utilizzare solamente su ciglia e sopracciglia. Nello stesso periodo, anche il chimico newyorkese T.L. Williams (il fondatore di Maybelline) lancia un mascara, chiamato Lash Brow-Ine.

mame dizionario RIMMEL logo
Logo del brand Rimmel

Eugene continua a estendere la sua presa e a espandere il suo impero, aprendo negozi sia a Parigi che a New York, oltre a un giardino di fiori e una distilleria di olio essenziale a Nizza. È uno dei primi pionieri dell’aromaterapia, scoprendo che gli estratti di olio dalle piante e dai fiori hanno proprietà terapeutiche. Inoltre, Rimmel crea vaporizzatori che vengono usati negli ospedali per diffondere i vapori degli olii benefici  nell’aria, nello stesso modo in cui noi oggi utilizziamo i diffusori dell’aromaterapia.

In più, è il primo a sperimentare il colluttorio, così come l’aceto della toilette, chiamato Toilette Vinegars. Questa fragranza dal nome poco attraente viene ottenuta dall’acqua di colonia e venduta come disinfettante personale e deodorante rinfrescante per il bagno. Probabilmente, si tratta della prima forma di deodorante.

Nel 1875, la sede originale di Rimmel in Strand Street viene distrutta da un incendio, ma la passione e l’entusiasmo di Eugene non si spengono. Infatti, ricostruisce la sua profumeria nel sito che oggi è la location di uno degli hotel londinesi più glamour e storici, The Savoy. Eugene continua a dirigere il suo impero fino alla morte, avvenuta il 15 marzo 1887 a 67 anni. Il suo necrologio, pubblicato sul New York Times, lo descrive come “Il Principe dei Profumi”. La compagnia viene posseduta e gestita dalla famiglia Rimmel fino al 1949, quando viene acquistata da una compagnia londinese e successivamente venduta alla Coty Inc. nel 1996.

COTY INC.

La Coty Inc. è un’azienda americana produttrice di prodotti di bellezza che opera in più di 150 paesi. Con base a New York, la compagnia viene fondata a Parigi da François Coty nel 1904. Produce fragranze, cosmetici coloranti, prodotti per la cura della pelle e del corpo. È conosciuta per aver collaborato con designers e celebrità per creare profumi. I suoi brand maggiori sono CoverGirl, Max Factor, Rimmel, Sally Hansen, Adidas, Calvin Klein, Hugo Boss, Gucci, Burberry e Wella Professionals, come Chloe (profumi), Davidoff (profumi), Marc Jacobs (profumi), Philosophy (bellezza), Playboy (profumi) e OPI Products (bellezza).

mame dizionario RIMMEL coty inc ceo camillo pane e maye musk
Camillo Pane, CEO di COty Inc., assime a Maye Musk

Il 9 luglio 2015, Coty ha annunciato di aver raggiunto definitivamente un accordo per acquistare alcuni brand della Procter & Gamble per 12,5 miliardi di dollari, in un patto che raddoppia le sue vendite e la trasforma in una delle più grandi compagnie di cosmetici al mondo.

ASPETTO FINANZIARIO

Nell’anno fiscale 2016, la Coty Inc. ha generato approssimativamente 4,35 miliardi di dollari nel gettito netto, arrivando circa a 7,65 miliardi di dollari nell’anno successivo. Le statistiche fornite sono di Combined Company, in riferimento allo stesso tempo alla Coty e alla P&G Beauty.

FAMOSE PARTNERSHIP

La Rimmel London ha annunciato nel 2013 che avrebbe collaborato con la cantante britannica Rita Ora per una collezione di make-up in edizione limitata, lanciata poi nel febbraio 2014. La linea include prodotti per le labbra e per le unghie. “Rita è una vera ragazza londinese e utilizza le strade di Londra come ispirazione per le sue canzoni, proprio come Rimmel usa London Look dalle strade come ispirazione per i suoi prodotti”, ha dichiarato il vice presidente del global marketing, Friedemann Schmidt. “Con questa nuova collezione combiniamo sia le vibrazioni delle strade londinesi che lo stile straordinario di Rita.”

Georgia May-Jagger ha collaborato con Rimmel London per la sua nuova campagna Wonder’Full Mascara nel luglio 2014. Wonder’Full, il primo mascara con olio d’argan del Marocco, è un’arma perfetta per un volume perfettamente pieno, levigato e senza grumi.

Nell’aprile 2016, Rimmel London annuncia che Cara Delevingne sarà la testimonial del brand. La modella e attrice britannica farà da ambasciatrice del marchio e apparirà nella campagna pubblicitaria, secondo Johanna Businelli, la chief marketing officer di Coty. La prima campagna della Delevingne viene lanciata l’anno successivo.

mame dizionario RIMMEL cara delevingne x rimmel london
Cara Delevigne per Rimmel London

Anche la modella inglese Kate Moss è stata associata al brand. E per celebrare i 15 anni di partnership tra il marchio e la Moss, l’azienda lancia nel 2016 nuove sfumature di rossetti. La collezione include sei dei rossi e dei color nudo preferiti di Kate che lei ha aiutato a lanciare in passato. Ispirata dai look più iconici della modella degli anni passati, la gamma di rossi e nudi cult evidenzia le diverse sfaccettature della sua personalità, dall’idolo da red carpet alla dea stravagante.

mame dizionario RIMMEL kate moss 2016
Campagna pubblicitaria del 2016 con Kate Moss

LA FILOSOFIA ETICA DI RIMMEL

Rimmel London, sul suo sito ufficiale, dichiara di non rappresentare né commissionare alcuna terza parte per suo conto nel testare i prodotti o gli ingredienti sugli animali, specialmente quando richiesto dalla legge.

Infatti, è cosa nota che la Cina richiede test su animali obbligatori su tutti i prodotti importati nel paese. Il brand continua a essere coinvolto nel dialogo con le autorità cinesi, inclusa l’attiva appartenenza alla China Association of Fragrance Flavour and Cosmetic Industries (CAFFCI), per rimpiazzare i test sugli animali con altre alternative.

Il brand è stato inoltre coinvolto nella ricerca e nello sviluppo di alternative ai test sugli animali per molti anni. Rimmel ha fatto parte della SEURAT-1, la singola iniziativa Private-Public Partnership che ha come obiettivo la ricerca di alternative ai test sugli animali. Con un contributo totale di €50 milioni, finanziati in egual misura dalla Commissione Europea e dall’industria cosmetica, riesce a produrre alcuni metodi alternativi di sperimentazione e getta le basi per uno sviluppo maggiore di cui è parte. L’obiettivo comune di tutti questi sforzi è quello di sostituire completamente i test sugli animali, attraverso alternative valide che possano garantire la salute dei consumatori.

SITUAZIONE ATTUALE

Rimmel è attualmente parte della Coty Inc., di cui il CEO è Camillo Pane dal luglio 2015. In questo ruolo, è responsabile dello sviluppo e della guida della visione strategica della Coty, che si concentra nell’accrescere le vendite. Nativo italiano, Camillo si è laureato all’Università Bocconi di Milano in Business Administration. Attualmente vive a Londra.

Nell’aprile 2018, Coty ha annunciato che Esra Erkal-Paler, attuale Capo Globale delle Comunicazione Esterne all’AstraZeneca, è stata nominata Chief Global Corporate Affairs Officer e membro della Commissione Esecutiva, una posizione istituita da poco. Esra sarà a capo delle strategie comunicative globali interne ed esterne di Coty e responsabile della crescita.