Ciabattoni

Amos (1929). Segretario del Centro romano dell’Alta Moda dal 1961 e, per 10 anni, della Camera Nazionale della Moda che aveva contribuito a costituire, assunse la direzione dell’Ente Italiano della Moda: un vecchio ente, al quale lo Stato aveva dato un contributo così che riprendesse a operare, soprattutto nella speranza di un coordinamento fra le varie attività della moda. Dirigente nazionale della Democrazia Cristiana negli anni ’50, per 13 anni segretario particolare di Tupini che seguì nei vari ministeri, cominciò a occuparsi di politica della moda su invito di Emilio Colombo, al tempo ministro dell’Industria. Negli anni ’80, lasciò gran parte degli incarichi (rimase consigliere della Lanerossi) per dedicarsi all’editoria e alla pubblicità.