Chaumont

Marcelle (1881-1990). Sarta francese. Precorre l’avvento del prêt-à-porter, accordandosi con i grandi magazzini Bon Marché sul finire degli anni ’40. Per evitare di essere espulsa dalla Chambre Syndicale de la Haute Couture, che non le perdonerebbe la decisione, deve farsi rappresentare da un’amica, Juliette Verneil. Dopo pochi anni, una malattia la costringe a ritirarsi. La sua storia è soprattutto quella di un grande talento che viene scoperto dall’esordiente Madeleine Vionnet nel 1912. Sino allo scoppio della seconda guerra mondiale, Marcelle, nonostante venisse considerata addirittura più brava della sua padrona nel taglio sbieco, le rimase fedele. Si mise in proprio solo perché la maison Vionnet preferì chiudere durante l’occupazione nazista.