Chaumet

La storia di uno dei nomi più prestigiosi della gioielleria francese inizia nel 1873 con l’orafo e orologiaio Marie-Etienne Nitot (1750-1809) che dopo la Rivoluzione ebbe il compito di catalogare i gioielli appartenuti a Maria Antonietta. È con il figlio Francois Regnault (1779-1853) che l’attività si trasferisce definitivamente in Place Vendome e realizza opere importanti come la spada consolare, voluta da Napoleone a simbolo delle sue vittorie. Il nome Chaumet compare nel 1875 quando l’erede Marie Morel sposa appunto Joseph Chaumet (1852-1928), maestro orafo dal piglio imprenditoriale. Oggi il marchio, rilevato da un gruppo finanziario arabo, presenta oggetti di piccola gioielleria, un’importante collezione di orologi da polso, sia maschili sia femminili, e una da tavolo, una linea di penne e di piccola pelletteria.
2002, febbraio. La storica casa francese d’alta gioielleria, ora controllata da Lvmh, presenta allo Spazio Bigli di Milano la sua produzione, ricca anche di pezzi unici.