Unverth

(von) Ellen (1954). Fotografa tedesca. Nasce a Francoforte e lascia la famiglia giovanissima per andare a vivere con un gruppo di amici. Conclude gli studi superiori e lavora dapprima a Monaco al Circo Roncalli, poi dal ’75 come modella a Parigi. Dieci anni dopo, passa dall’altra parte della macchina fotografica e inizia l’attività lavorando prevalentemente per Vogue nelle sue varie edizioni nazionali, Interview, George, Vanity Fair. Molto apprezzata per le sue immagini insieme accattivanti e aggressive di gusto espressionista, ha anche ideato numerose campagne pubblicitarie per Chanel, Adidas, Diesel e ha collaborato con stilisti come Valentino, Dolce & Gabbana, Moschino, Gucci. Recentemente si è dedicata al cinema con alcuni corti e il lungometraggio Inferno. Molte sono le mostre personali e quattro i libri: Snaps, Couples, Wicked e il recentissimo Revenge, realizzato nel 2003 in 5 mila copie di cui 200 firmate dall’autrice. Vive e lavora tra New York e Parigi. Nel 2005 Ellen pubblica altri due libri, Omahyra & Body e Plumes et Dentelles.

Undercover

Marchio creato nel 1994 dal designer giapponese Jun Takahashi, di grande successo sia in patria che all’estero. I punti di forza di Takahashi sono la sua capacità di interpretare la street fashion e le suggestioni a cui si ispira, che spaziano da bouquet di fiori ad Arancia meccanica di Kubrick, dalla tassidermia all’arte dei manga giapponesi. Undercover è un brand molto apprezzato da designer internazionali quali Miuccia Prada e Rei Kawakubo e dalla scrittrice Suzy Menkes, che recentemente ha definito Takahashi “l’essenza del cool giapponese”. Nel 2005 Canon ha chiesto a Takahashi di creare una linea di custodie per macchine fotografiche in edizione limitata.

UGG Boots

Soffici stivali di montone che si ispirano a quelli utilizzati dai surfisti australiani per scaldarsi velocemente i piedi nelle giornate più fredde. Disponibili in due diverse misure e in numerosi colori, hanno fatto conoscere in tutto il mondo la casa che li produce, la UGG Australia, creata nel 1978 da un giovane surfista australiano, Brian Smith. Benché produca ogni tipo di calzatura, il suo prodotto più famoso restano sicuramente i Boots, pensati per un pubblico di consumatori di fascia medio-alta.

Ultramarin

Negozio fondato nel 1996 a Berlino nella Kollwitzplatz, una zona di bar, ristoranti e negozietti modaioli. È un punto di riferimento per chi volesse vedere quel che fanno i giovani stilisti berlinesi. Specializzato in abbigliamento femminile, propone anche un guardaroba per l’uomo in rigoroso street-style. Ma sono gli abiti da sposa la vera particolarità della boutique: li taglia e cuce a comando, proponendo un piccolo campionario di “necessarie pazzie”.

United Bamboo

Marchio di prêt-à-porter. Lo crea il vietnamita Thuy Quang Pham (1968) insieme alla propria compagna Miho che si occupa della ricerca sui tessuti e sulle lavorazioni. Thuy ha studiato alla Cooper Union di New York dove si è laureato in architettura. Subito dopo la laurea è entrato a far parte del gruppo di artisti Bernardette Corporation. È nella stagione autunno-inverno 1999-2000 che debutta la linea United Bamboo.

Unisex

Uno stile intercambiabile, adatto sia alla donna sia all’uomo, basato soprattutto su modelli standard di pantaloni (jeans in testa), che negli anni ’60-70 diventò una vera e propria moda, quasi un gioco di scambio delle parti attraverso camicie, gilet, blazer, maglieria oversize. Per l’uomo si apre la possibilità (e si crea la voglia) di indossare tessuti a disegni floreali o decorativi e forti colori, fino allora riservati solo al femminile. Unisex diventa sinonimo di un abbigliamento, che, anche quando è fuori dalla moda, fa parte del costume acquisito.

Utopia

Marchio di Gemmindustria, azienda nata a Milano nel 1943, nel settore della produzione e della distribuzione di pietre e perle per l’industria orafa, deve a un’articolata operazione di marketing e a un’efficace campagna pubblicitaria internazionale la sua immediata affermazione sul mercato nei primi mesi del 1996. I gioielli si caratterizzano per l’altissima qualità di perle dei Mari del Sud presentate in molteplici soluzioni compositive, spesso accostate fra loro giocando sul contrasto delle varie tonalità cromatiche: bianche, gold, silver blue, ecc. Fra le varie tipologie di perle usate, rivestono un ruolo particolare le Keshi, esemplari senza nucleo che nascono spontaneamente all’interno dell’ostrica perlifera Pinctada Maxima e si caratterizzano per forme uniche: leggermente barocche, spesso a goccia piatta o a bottone. Sintesi della maestria tecnica e della preziosità dei materiali, la collezione Batik in cui pietre naturali, diamanti e perle South Sea si amalgano in una fitta tessitura preziosa. Utopia, di cui è presidente Paolo Gaia, è presente con i suoi prodotti in Italia e all’estero — Europa e Stati Uniti — in gioiellerie dotate di strumenti idonei alla divulgazione di informazioni relative alla qualità della perla e a un’adeguata certificazione.