BETTY CATROUX

Betty Catroux, la musa di Yves Sain Laurent, nasce il 1° gennaio 1945 a Rio de Janiero. “Pensavo a lei quando ho immaginato il completo pantalone. Tutti i codici maschili che ho applicato sulla donna” dice di lei lo stilista

Indice

  1. Betty Saint
  2. Il padre
  3. Un’adolescenza difficile
  4. Gli esordi
  5. Yves Saint Laurent
  6. La donna di Yves Saint Laurent
  7. Altre figure nella vita di Betty
  8. Più di una musa
  9. Gli ultimi anni

Betty Saint

Betty Saint, meglio conosciuta come Betty Catroux, nasce il 1° gennaio 1945 a Rio de Janiero dalla relazione tra la socialite francese Carmen Saint ed Elim O’Shaugnessy, diplomatico americano. Betty Catroux trascorse i primi quattro anni della sua vita in Brasile.

Il padre

La madre, archiviato un matrimonio lampo con un uomo del posto, decide di fare le valigie e di trasferirsi definitivamente a Parigi. Fino all’età di dodici anni Betty visse nell’incertezza di chi fosse realmente il padre. Si mise, così, a studiare i tratti somatici delle persone che frequentava la madre fino a scoprire che l’uomo che aveva creduto essere un amico della madre, era sangue del suo sangue.

Un’adolescenza difficile

Un’educazione borghese, con regole e imposizioni, ha tormentato l’adolescenza di Betty Catroux che trovò, nelle droghe, un sovvertivo per evadere da una routine che le stava stretta. Betty odia la moda. Per lei è solo un modo facile per far soldi; per rinnegare qualsiasi beneficio da borghese e vestire i panni della libertina colta. È così, che all’età di diciassette anni, inizia la sua carriera nel mondo della moda.

Gli esordi

La prima ad affidarsi alla sua immagine androgina fu proprio Coco Chanel, antesignana di una moda borghese che strizzava l’occhio al guardaroba maschile. Nel 1967 appare per la prima volta con alcuni scatti sulla rivista di moda Vogue.

Dizionario della Moda Mame: Betty Catroux. Betty e François Catroux in uno scatto di Horst
Betty e François Catroux in uno scatto di Horst

Nel 1968, Betty Saint sposa l’arredatore francese François Catroux, nipote del generale Georges Catroux. Il giorno delle sue nozze, sfoggiò un look insolito composto da una pelliccia bianca e nera, shorts e gli immancabili stivali. La coppia ha due figli: Maxime, editore di libri, e Daphné, sposata con il conte Charles-Antoine Morand, il 15 giugno del 2002.

Dizionario della Moda Mame: Betty Catroux. Betty e François nel giorno del loro matrimonio
Betty e François nel giorno del loro matrimonio

Yves Saint Laurent

Ma è al Regine’s che la sua vita cambia di colpo. I bagordi di una vita agiata sono condivisi con l’altra metà della sua anima. Una sera, tra fiumi di alcool e droga, due sguardi s’incrociano e diventano un’unica visione per il resto della vita.

“Yves era biondo platino, in total look in pelle nera. Ci assomigliavamo. Era così timido che dovette mandare qualcuno al mio tavolo. Poi mi chiese se avessi voluto sfilare per lui. Io dissi di no. Avevo fatto delle foto di moda all’epoca ma non era per me. Era solo un guadagno facile per andare a bere e fare casino.

Lui incarnava il perfetto bohemien lei, una borghese scandalosa. Entrambi erano la perfetta congiunzione di un universo che progrediva attraverso la lotta e la rivoluzione. Lei era una swimming girl lui, il genio dannato della moda.

Dizionario della Moda Mame: Betty Catroux. Betty Catroux con Yves Saint Laurent e Lou Lou De La Falaise
Betty Catroux con Yves Saint Laurent e Lou Lou De La Falaise

“La prima volta che vidi Betty era al New Jimmy’s, la discoteca del Régine. Credo fosse il 1967. Indossava una gonna di plastica di Prisunic. Quel che impressionò fu il suo stile, l’androginia, il corpo, il viso, i capelli…Yves Saint Laurent

Tra scorribande alcoliche e “polvere bianca” la bella amazzone diviene la musa di Yves Saint Laurent.

La donna di Yves Saint Laurent

Il suo aspetto disinvolto, il suo corpo snello e le gambe chilometriche fecero di Betty un’icona di stile. Per il suo caro Yves non posò mai ma divenne la sua più stretta collaboratrice. Lei era l’incarnazione perfetta donna Yves Saint Laurent: forte, audace, disinvolta.

“Non mi vesto da donna. Non mi interessa affatto la moda” Betty Catroux 

Fin dagli anni ’50 è stata destinata a incarnare, con il suo corpo magro e nervoso, i capelli lunghi e diritti, le gambe chilometriche e le labbra sottili, la Donna Moderna: sicura di sé, a suo agio in pantaloni, magari rubati al suo lui o a un’altra lei. Per questo motivo Betty Catroux può essere definita l’antesignana della moda gender poiché per anni ha indossato pantaloni a sigaretta, t-shirt e blazer nero, oltre che il celebre abito smoking creato dal suo amico.

Altre figure nella vita di Betty

Nell’orbita del forte legame con Yves ruotarono altre figure fondamentali per la loro carriera. Yves Saint Laurent era un genio sempre in cerca d’ispirazioni. La sua fonte erano le donne. Per questo motivo Loulou de la Falaise e Catherine Deneuve entrarono nella stretta cerchia di contatti lavorativi dello stilista. Come anche Paloma Picasso, la donna del Sud, e Zizi Jeanmaire, la “commedienne” intellettuale.

Dizionario della Moda Mame: Betty Catroux. Il trio Lulu de la Falaise, Yves e Betty
Il trio Lulu de la Falaise, Yves e Betty

“Saint Laurent disegna per donne che hanno una doppia vita. I vestiti del giorno aiutano la donna a stare in mezzo agli estranei, le permettono di andare dappertutto senza attirare un’attenzione non desiderata: grazie alla loro naturalezza un po’ mascolina, le conferiscono una certa forza, la equipaggiano per incontri che potrebbero dar luogo a conflitti. Però la sera, quando la donna può scegliere con chi stare, Yves la rende seduttrice”, dichiarò la Deneuve

Dizionario della Moda Mame: Betty Catroux. Yves, Loulou e Betty erano inseparabili
Yves, Loulou e Betty erano inseparabili

Più di una musa

“Pensavo a lei quando ho immaginato il completo pantalone. Tutti i codici maschili che ho applicato sulla donna. Se Paloma Picasso e Loulou de la Falaise ispirano la mia fantasia, Betty ispira il mio fisico rigoroso” Yves Saint Laurent

Gli ultimi anni

Tom Ford, per il suo debutto in Yves Saint Laurent, dedicò la sua prima collezione all’amazzone e musa ispiratrice del fondatore della maison. Le stesse orme furono calcate da Stefano Pilati.

La nostalgia dei tempi che furono, accompagnata dalla brama di ricompattare l’immagine forte e allusiva di Yves Saint Laurent, hanno spinto Anthony Vaccarello a digitare il numero di Betty. È stato come rispolverare dei ricordi custoditi gelosamente per far rivivere le emozioni più importanti della propria vita. Ma questa volta, Yves non c’è.

Dizionario della Moda Mame: Betty Catroux. Betty Catroux posa per YSL
Betty Catroux posa per YSL

A settantatre anni, Betty Catroux posa per la prima volta per Yves Saint Laurent per la campagna pubblicitaria autunno/inverno 2018-19. La bella modella posa davanti all’obbiettivo con un chiodo in pelle e blazer laminato. Indossa gli occhiali da sole, rigorosamente neri, come quelli che hanno nascosto i suoi occhi da più di cinquant’anni.

BORBONESE

Luxury brand italiano, icona del “Made in Italy”. Borbonese valorizza sempre le sue origini e le sue tradizioni artigianali.

Indice

  1. Le origini: Lucia Lorenzo Ginestrone
  2. Collaborazione con Luxury Fashion Houses
  3. Elementi distintivi
  4. Borbonese viene rilevata da Van Cleef & Arpels
  5. Un secolo di Borbonese
  6. Situazione attuale

Le origini: Lucia Lorenzoni Ginestrone

Borbonese nacque come piccolo laboratorio che forniva gioielli e accessori -dai nastri alle gale, dai guanti ai cappelli, agli scialli- per le sartorie più prestigiose di Torino, una città, all’epoca, molto sensibile alla couture, una piccola capitale italiana della moda. Nel 1910 la modista Lucia Lorenzoni Ginestrone rilevò l’officina, dando il via alla Borbonese che conosciamo oggi.

Borbonese 1910, schizzo per una borsa
1910, schizzo per una borsa

Nel ’50, subentrò nella gestione dell’azienda il figlio di Lucia, Umberto Borbonese Ginestrone, insieme all’amico e socio Edoardo Calagno. Il brand stava sviluppando con successo un’estetica eclettica e sofisticata: i gioielli, realizzati con i materiali più peculiari, ebbero da sempre forme innovative.

Collaborazione con Luxury Fashion Houses

Raggiunse un immediato successo negli anni ’60, dedicandosi alla creazione di bijoux, in cui l’inventiva si alleava ad una squisita fattura artigianale: guadagnata la fiducia di varie case di moda, molte di queste reclutarono Borbonese per creare numerosi accessori a completamento delle loro collezioni.  La capacità della ditta torinese di impostare un dialogo armonioso fra abito e bijoux è alla base d’una richiesta collaborazione da parte delle migliori case d’alta moda: Fendi, Galitzine, Valentino e, subito dopo, l’approdo a Parigi, per Ungaro e Saint-Laurent che apprezzavano l’estro, la sperimentazione, la bellezza della sua bigiotteria.

Elementi distintivi

Borbonese L'occhio di pernice
L’occhio di pernice

Durante gli anni ’70, Borbonese iniziò la collaborazione con Redwall, pelletteria di Bologna di proprietà della famiglia Rossi. Questa solida collaborazione portò una linea rivoluzionaria di borse in pelle di alta qualità che combinano forme leggere, sfoderate e ristrutturate con una morbidezza e una resistenza uniche. Momento straordinario: in un materiale d’aspetto inedito, morbida pelle d’agnello, color beige o miele, trattata per rivelare effetti puntiformi a “occhio di pernice”, la maison troverà il distintivo elemento della propria griffe per borse, valigie e una vasta produzione di pelletteria. Alcune linee vennero realizzate in tessuto plastificato, sempre a occhi di pernice, detto “graffiti”, ancora in beige, ma anche in marrone testa di moro, blu, azzurro, nero.

Borbonese Borsa Luna
Borsa Luna

Borbonese presentò la famosa borsa Luna per celebrare lo sbarco del primo uomo sulla luna, seguita poi da Sexy, Tango e Mambo, gran classici anche oggi. Borbonese fu il primo brand ad apporre il proprio logo sulle chiusure lampo ( oltre al rivetto), diventato poi suo segno distintivo. Molto imitate, mai uguagliate, le borse Borbonese, leggere, pratiche, eleganti in tutte le ore, diventavano, ormai, un classico. I fotografi più in voga (Giampaolo Barbieri, Helmut Newton, Satoshi Saikusa) contribuirono alle campagne pubblicitarie di Borbonese.

Negli anni ’80, Borbonese inventò un vero e proprio lifestyle, tanto attuale ed azzeccato da permettere al brand di scalare le classifiche, diventando uno dei marchi italiani più importanti di prêt-à-porter, accessori uomo e donna, calzature, pellicce e arredi.

Nel ’92 la Sexy Bag compì 20 anni. In occasione della grande festa di Tokyo venne presentata una tiratura in 100 esemplari, con accessori in oro 18 carati. Dopo vent’anni di collaborazione Redwall, che operava nello stesso settore delle borse e degli accessori in pelle, assorbì il marchio. Nel ’99 venne presentata a Milano la prima collezione prêt-à-porter donna Borbonese autunno/inverno prodotta da Redwall. Il 27 marzo dello stesso anno la famiglia franco-americana Arpels – attuale detentrice del 20% di Van Cleef & Arpels – rilevò il 50% della società. Nella stessa data, l’assemblea degli azionisti decise di variare la denominazione sociale in Rossi 1924 S.p.A. Nel settembre 2000, alla collezione di accessori venne affiancata una linea di abbigliamento femminile.

Borbonese viene rilevata da Van Cleef & Arpels

Il 2001 si chiuse con il pareggio di bilancio e con un fatturato di 21 milioni di euro. Nel 2002 Alessandro Dell’Acqua diventò direttore creativo. Agli accessori venne affiancata una linea di abbigliamento donna ad opera dello stilista, presentata durante Milano Moda Donna.

A novembre, Arpels assorbì anche il rimanente 50% della compagnia, prendendo possesso delle quote in mano a Dario Rossi e ad Alberto Vacchi. Claude Julien Arpels diventò amministratore delegato; Alberto Vacchi rimase nel consiglio di amministrazione. Per il 2004 la famiglia Arpels pensava ad uno sbarco in forze sul mercato del Nord America e in Estremo Oriente.

Borbonese Primavera/estate 2010, Milano Fashion Week
Primavera/estate 2010, Milano Fashion Week

Nel 2009 Borbonese presentò la collezione primavera/estate 2010 durante la settimana della moda di Milano, nel negozio in via della Spiga. Si trattò di un evento di successo in collaborazione con l’artista contemporaneo Amedeo Martegani, che ha trasformato le vetrine della boutique in un vero teatro con perfetto sfondo scenografico che raccontava la storia di sette Samurai, ispirata al taglio netto che crea la forma della borsa O.P. Accompagnata dal suono di sciabole, coltelli taglienti e suoni metallici del musicista Giuseppe Ielasi, l’installazione ha catturato l’attenzione di molti spettatori.

Un secolo di Borbonese

Borbonese 100 anni di Borbonese: l'Art Bag
100 anni di Borbonese: l’Art Bag

Nel 2010, in occasione dei 100 anni di Borbonese, il brand ha avviato un progetto speciale in collaborazione con la Roy Lichtenstein Foundation per creare le Art Bags, collezione limitata composta da dodici borse ispirate ai capolavori degli artisti pop. La collezione esclusiva è stata esposta alla Triennale di Milano. Inoltre, è stata presentata la Borbonese 1910, collezione di borse-icona sotto la direzione creativa di Gabriele Colangelo, talentuoso giovane stilista italiano con un’innata propensione per la produzione artigianale di pellicce e ricami.

Borbonese Collezione autunno/inverno 2012
Collezione autunno/inverno 2012

Nel 2013 il logo Borbonese rosso in ceralacca è diventato vero nuovo simbolo distintivo del brand, che si stava incamminando verso nuove direzioni. Il decidere di concentrarsi sul core business del marchio, creando una collezione impeccabile di borse e accessori, derivava da una lunga ricerca su nuovi materiali e tecniche che rendessero ogni prodotto unico ed inimitabile. Le borse-icona di Borbonese sono state reinterpretate in questo periodo, utilizzando nuove combinazioni di pelle e tecniche di lavorazione del metallo, rendendole più moderne e contemporanee.

Alla Milano Fashion Week di settembre 2015, Borbonese ha presentato, nella  sede di Via Monte di Pietà, “Inspirations“, libro a cura di Ginevra Elkann edito Rizzoli. In “Inspiration” Borbonese viene descritto come brand sempre ispirato dalla natura, caratteristica che ha sempre accompagnato la storia di questa grande casa di artigianato italiano.

Borbonese Inspirations, Ginevra Elkann
Inspirations, Ginevra Elkann

A novembre il marchio è diventato sponsor della Pinacoteca Giovanni e Marella Agnelli di Torino per la mostra dell’artista pop americano Ed Ruscha. La mostra, dal titolo “Mix Master”, a cura di Paolo Colombo, era un pot-pourri di fotografia, pittura e libri di Ruscha, il tutto sul tema della trasformazione della vita americana degli ultimi 50 anni.

Situazione attuale

Nel 2016 Borbonese ha sponsorizzato la mostra “Riflessioni/Reflections”, con Rosemarie Trockel e le collezioni torinesi. A settembre è stato aperto il nuovo flagship store in Corso Matteotti 8, progettato secondo un nuovo concept che dovrebbe rafforzare l’immagine del marchio in Italia.

Borbonese Global Living, Milano Design Week 2016
Global Living, Milano Design Week 2016

Ad aprile 2017, Borbonese ha effettuato importanti investimenti nella collezione Global Living e ha presentato una nuova collezione home durante la Design Week milanese. Per rendere giustizia e ricordare la grafica del logo, tutti i prodotti sono stati disegnati con linee più arrotondate. A settembre, durante la fiera internazionale della calzatura, Borbonese ha lanciato una nuova collezione uomo e donna e la collezione primavera/estate 2018 .

Borbonese è e rimane un luxury brand italiano che riesce soddisfare le esigenze della società contemporanea, senza mai tradire la sua idea di stile e la sua brand identity. Marchio affermato di Made in Italy, valorizza patrimonio, tradizione e artigianato, alla continua ricerca della perfezione, tra tecnologia e innovazione. Borbonese combina sempre, con maestria artigianale, materiali preziosi e tecniche raffinate, enfatizzando ogni più piccolo dettaglio, rendendo ogni suo prodotto unico. Borbonese incarna “il nuovo spirito della tradizione”.

BENETTON

Azienda fondata dalla famiglia Benetton nel 1965; partita come laboratorio artigianale specializzato in maglieria, ora è un brand di fama mondiale.

Indice

  1. Le origini: i fratelli Benetton
  2. 1998
  3. L’inizio delle campagne pubblicitarie innovative
  4. Lo sviluppo del brand nel nuovo millennio
    1. Nuovi Mega Stores
    2. 2001- 2002
    3. Benetton cede le linee sport
    4. Silvano Cassano
    5. 2003
    6. Joel Berg
    7. 2005
  5. 40° anniversario
  6. Eventi e campagne
    1. Opening Soon…
    2. It’s My Time
    3. La fondazione Unhate
    4. La collezione Color
    5. On Canvas
    6. Benetton per Women Empowerment
  7. Situazione attuale

Le origini: i fratelli Benetton

Benetton Carlo, Gilberto, Giuliana e Luciano Benetton
Carlo, Gilberto, Giuliana e Luciano Benetton

Fondata nel 1965 a Ponzano Veneto (Treviso) dai fratelli Luciano, Giuliana, Gilberto e Carlo Benetton. All’inizio era semplicemente un laboratorio artigianale specializzato in maglieria con un buon contenuto moda e prezzi molto accessibili.

“Mia sorella Giuliana”, racconta Luciano Benetton, “confezionava maglie per un negozietto delle nostre parti. Un giorno, mi regala un maglione di un luminosissimo colore giallo. Beh, tutti lo volevano. Erano stanchi dei colori tristi e smorti dell’epoca. Allora ho detto: dai proviamo, tu Giuliana crei e io vendo. Abbiamo comprato una vecchia macchina che faceva le righe alle calze a rete. La vendevano al peso del ferro. L’abbiamo trasformata. Da allora, non ci ha più fermato nessuno.”

1998 

Nel ’98, con un fatturato che sfiorava i 9 trilioni di lire, negozi diretti e in franchising sparsi in tutto il mondo, è diventato il dodicesimo gruppo industriale italiano nella classifica di Mediobanca, ed era una delle realtà del tessile-abbigliamento più importanti del nostro paese. Metà delle vendite derivava dalle attività tradizionali -abbigliamento e prodotti per lo sport-, con i marchi Benetton, Benetton 012, Sisley, Zerotondo, Tutti i colori del mondo, cui si aggiunsero le licenze per accessori, biancheria intima e da casa, la linea mare e i cosmetici. L’altra metà del giro d’affari arrivava, invece, dai settori di espansione più recente: grande distribuzione, autogrill, immobiliare, merchant banking.

Benetton Campagna pubblicitaria degli anni '90
Campagna pubblicitaria degli anni ’90

Sul fronte dell’attività storica, il gruppo di Ponzano Veneto produceva in casa l’80% di quelle magliette, camicie, vestiti, pantaloni che venivano venduti in tutto il mondo. L’altro 20%, solo da qualche anno, veniva confezionato all’estero. Negli stabilimenti di Castrette, giganteschi e modernissimi capannoni cablati e disegnati dall’architetto Tobia Scarpa, un migliaio di persone manovravano terminali, computer e pannelli di controllo che tanto ricordavano i grandi centri di ricerche di tecnologia avanzata.

Benetton creò sistema logistico Robostore, che con sole 14 persone smistava 30 mila pacchi al giorno e 10 milioni di capi al mese, mettendoli sui camion e, secondo le destinazioni, dividendoli per paese e punto vendita, con un modo tanto somigliante, per i suoi nastri trasportatori, al centro smistamento bagagli di un aeroporto. Le fasi meno complicate della lavorazione, come la cucitura e la stiratura, erano appaltate all’esterno: un gruppo di aziende venete lavorava praticamente solo per Benetton e occupava 30 mila persone.

Benetton è il cuore di un gigantesco network produttivo che va dalla pecora argentina e dalla sua lana fino alla distribuzione nell’ultimo negozio del Terzo Mondo o della Groenlandia, dove si vendono maglioni o camicie firmati Benetton. Un network che studia il tessuto, disegna la collezione, taglia, tinge e controlla la qualità di quasi 80 milioni di capi all’anno e li distribuisce in contemporanea, cioè quasi senza magazzino, in 7 mila negozi di 120 paesi.

L’inizio delle campagne pubblicitarie innovative 

Dall’82 le campagne pubblicitarie della produzione Benetton, campagne innovative e spesso provocatorie, hanno la firma di un grande fotografo, Oliviero Toscani, creatore oltre che di immagini anche di slogan e di messaggi. Gli scatti del maestro hanno come protagonisti modelli di etnie diverse, proprio come vuole lo slogan United Colors of Benetton. Il brand italiano parlò anche di questioni controverse come AIDS, vittime della Guerra del Golfo e così via: dalle immagini di un neonato appena nato completo di cordone ombelicale, a una foto di un paziente sieropositivo mentre giace morente in ospedale, le campagne di Benetton hanno sollevato polemiche e posto il marchio sempre al centro della scena.

Benetton Olivero Toscani, campagna pubblicitaria di prevenzione contro l'AIDs
Olivero Toscani, campagna pubblicitaria di prevenzione contro l’AIDs

Negli anni ’80 e ’90 le polemiche campagne pubblicitarie hanno permesso al gigante italiano della moda di farsi conoscere in tutto il mondo: i negozi Benetton, nel ’93, erano ben 7.000. Nel 2000, la pubblicità Benetton entrò in una nuova fase. Fabrica, il centro di comunicazione di Benetton, aveva rilevato la comunicazione del Gruppo, concludendo la collaborazione di 18 anni con Oliviero Toscani.

Nel settore dell’abbigliamento, il gruppo di Ponzano Veneto sembra aver realizzato, oltre a una formula di successo, anche una sorta di quadratura del cerchio nell’organizzazione industriale italiana: somiglia, infatti, a uno dei tanti distretti produttivi del made in Italy, ma con una sola testa che organizza. Tutto era cominciato quasi per caso. Dai primi 2000 il fatturato annuo globale raggiunse i 4 mila miliardi. La società era quotata in Borsa sulle piazze di Milano, New York e Francoforte.

Lo sviluppo del brand nel nuovo millennio

A marzo 2000 venne siglato un accordo per il passaggio del Team di Formula Uno Benetton alla casa automobilistica francese Renault per un ammontare di 120 milioni di dollari. Benetton continuò ad essere lo sponsor ufficiale per altri 2 anni. Debuttò, ad Amburgo, nel cuore della città, il nuovo megastore su quattro piani, mentre continuava lo sviluppo della rete di vendita attraverso investimenti diretti in molte città tedesche, dopo le aperture di Berlino, Leipzig, Colonia, Düsseldorf, Stoccarda e Hannover. Il mercato tedesco, dopo quello italiano, era il secondo per importanza strategica e vendite.

Benetton 1986, Formula Uno
1986, Formula Uno

A settembre aprì a Mosca il primo megastore, situato al 19 Tverskaya: 2000 metri quadrati disposti su tre piani. Il mese successivo, venne inaugurato il nuovo flagship store diCardiff. A dicembre, Benetton concluse un accordo per acquisire, dal Gruppo Coin, 12 grandi magazzini, per un controvalore di 25,2 miliardi di lire.

A fine 2000, il Bilancio della Benetton Group S.p.A. evidenziava ricavi consolidati pari a 3.908 miliardi di lire (2,02 miliardi di euro) e un risultato netto di 471 miliardi di lire (243 milioni di euro). Il dividendo distributo ai soci era di 90 lire per azione. I mercati in crescita erano Corea, Stati Uniti e Giappone. In quest’ultimo, la strategia perseguita dal Gruppo era stata quella di chiudere i piccoli punti vendita e aprire nuovi megastore.

A maggio 2001 venne formalizzata l’intesa con Txt e-solutions, azienda specializzata nella progettazione e realizzazione di software. L’accordo prevedeva la fornitura di soluzioni per rendere più efficiente la distribuzione nei megastore a livello mondiale, attraverso un controllo diretto che permettesse di conoscere i cambiamenti in ogni micromercato locale e di rispondervi in tempo reale. Il programma, Txt Sc&Cm for fashion, coordinava le attività di gestione dei fornitori con le esigenze della distribuzione per ottimizzarla alla domanda dei consumatori.

Nuovi Mega Stores

A settembre 2001, Bologna era la città scelta dal Gruppo veneto per il primo megastore che era anche, grazie alla collaborazione di Fabrica, un ambiente sperimentale focalizzato sulla creatività e la cultura. Durante lo stesso mese, il soggetto della nuova campagna di comunicazione divenne il volontariato. L’iniziativa fu realizzata con il sostegno dell’Unv, sezione volontari delle Nazioni Unite. L’investimento fu pari a circa 24 miliardi di lire e coprì, attraverso stampa e affissioni, 60 paesi.

Benetton Megastore di Ljubljana (Slovenia)
Megastore di Ljubljana (Slovenia)

Un mese dopo debuttò un nuovo megastore a Milano, in corso Vercelli. A ruota, seguirono aperture a Palma de Mallorca e Parigi, dove venneroo avviati 2 nuovi flagship store, in Place de l’Opéra e Avenue des Champs-Elysées, e Lisbona. Benetton investì 52 miliardi per tre megastore in Giappone, a Kyoto e a Osaka (due). Il fatturato conseguito in Giappone nel 2000 fu pari a circa 580 miliardi di lire. Il Gruppo veneto contava 100 megastore in tutto il mondo (l’obiettivo era di arrivare a 300 entro il 2004) e una rete distributiva costituita da 5 mila negozi dislocati in 120 paesi. Nei due anni precedenti aveva investito circa 500 milioni di euro per l’apertura dei megastore, situati nei centri storici delle grandi città.

2001-2002

A fine 2001, Benetton aveva conseguito un fatturato di 2,098 miliardi di euro, un Ebitda (margine operativo lodo) di 398 milioni e un utile netto di 148 milioni, risultato non confrontabile con i 243 milioni del 2000, poiché quest’ultimo era stato influenzato dalle plusvalenze realizzate con la vendita del team di Formula 1. In termini omogenei, comunque, l’utile netto era diminuito del 6,5%.

Secondo Forbes, nel 2002 la fortuna di Benetton valeva 4,9 miliardi di dollari, corrispondenti al 62° posto nella classifica dei più ricchi del mondo.

A marzo 2002 venne perfezionato un preliminare con Viceversa edizione design, società incaricata di realizzare una linea di home collection firmata Benetton. A luglio Benetton emise un bond (prestito obbligazionario) triennale da 300 milioni di euro, il secondo della storia per la casa veneta. Ad ottobre Benetton debuttò con due nuovi punti vendita a Venezia e Shanghai.

A febbraio 2003, dopo l’apertura di stabilimenti in Croazia, Slovacchia e Ungheria, Benetton investì in Tunisia 16 milioni di dollari. Un nuovo megastore viene aperto ad Osaka, in Giappone, con un investimento di 1,5 miliardi di yen. Era il decimo dall’inizio del 2001. La somma complessiva investita ammontava a 12 miliardi di yen, ovvero 90 milioni di euro. Nel 2001 il fatturato in Giappone fu di 200 milioni di euro, in linea con i risultati del 2000.

Il soggetto della nuova campagna di comunicazione era Food for Life, la fame nel mondo. Realizzata insieme al World Food Programme, agenzia dell’Onu, ebbe un budget di 15,7 milioni di euro.

Benetton Campagna pubblicitaria Food for Life
Campagna pubblicitaria Food for Life

Benetton cede le linee sport

Nel marzo 2003 venne anche siglato il preliminare con la Prime Newco, società del gruppo Tecnica, per la cessione di Rollerblade. L’accordo rientrava nella strategia di concentrazione sul “core business”, l’abbigliamento. Il controvalore era di 20 milioni di euro. Poco più tardi, Benetton vendette i marchi Prince (racchette da tennis) ed Ektelon (attrezzature e accessori per il “badminton”) al fondo di “private equity” statunitense Lincolnshire. Il controvalore era di 36,5 milioni di euro. L’accordo completava l’uscita dei Benetton dal business dell’accessorio sportivo e disegnvaa la nuova architettura strategica del Gruppo, un ritorno al “core business”, l’abbigliamento.

Silvano Cassano

A marzo 2003 Luigi De Puppi abbandonò l’incarico di amministratore delegato del Gruppo Benetton. Ad aprile, Silvano Cassano era il nuovo amministratore delegato del Gruppo Benetton. Entrò in azienda in un momento storico. L’improvvisa diversificazione, cominciata nel ’97, nel business dell’accessorio sportivo si era chiusa con la recente vendita di Nordica, Rollerblade e Prince. Oggi Benetton è nuovamente focalizzata sull’abbigliamento.

2003

A maggio, i risultati del primo trimestre evidenziavano ricavi (casual) per 351 milioni di euro, in crescita, al netto dell’effetto cambi, del 3,8%. Il fatturato complessivo si attestava a 444 milioni contro i 447 del 2002, per la prevista contrazione del business sportivo. L’utile netto, 25 milioni di euro, segnò un più 29%. L’autofinanziamento rimase stabile a 76 milioni, mentre l’indebitamento si attestò a 709 milioni di euro, contro i 756 del primo trimestre 2002. Continuava lo sviluppo dei punti vendita. In Russia, il gruppo programmò per l’anno in corso 22 nuovi aperture, mentre nel 2004 avrebbero debuttato altri dieci store. L’obiettivo era di raggiungere quota cento negozi entro la fine del 2004.

Il Gruppo Benetton era presente in 120 paesi, con i marchi United Colors of Benetton, Sisley, The Hip Site, Playlife e Killer Loop. Produceva oltre 100 milioni di capi d’abbigliamento ogni anno, il 90% dei quali fabbricati in Europa. La rete distributiva era costituita da 5000 punti vendita. Il Gruppo Benetton era controllato dalla finanziaria di famiglia, Edizione Holding, costituita da un network di aziende che competevano in differenti settori: oltre all’abbigliamento, di cui deteneva il 69,9%, autostrade, servizi di ristorazione, telecomunicazioni, immobiliare, agricoltura e partecipazioni finanziarie minori.

Complessivamente Edizione Holding aveva un giro d’affari di 7 miliardi di euro e impiegava 50 mila dipendenti. Negli 8 otto anni i fratelli Luciano, Gilberto, Giuliana e Carlo Benetton avevano assemblato, pezzo dopo pezzo, sotto l’ombrello di Edizione Holding, un gruppo che, partito dal tessile, era ormai diventato una conglomerata. Nel 1994, il tessile costituiva il 100% del fatturato; nel 2003 i maglioni pesavano per il 30% sul totale.

A settembre 2003 la società inaugurò diversi nuovi megastore ad Hong Kong, che offrivano i marchi United Colors of Benetton, Sisley, Playlife e Killer Loop. Inoltre, a Birmingham portò i marchi United Colors of Benetton, Sisley e The Hip Site. A Parigi, cinque piani all’interno di un edificio storico della seconda metà dell’800, vendeva United Colors of Benetton e Sisley. L’espansione del gruppo in Germania continuò con l’apertura di un mega-store a Berlino, su tre piani, che offriva le intere collezioni United Colors of Benetton e Sisley.

Joel Berg

Ad ottobre Joel Berg diventò nuovo direttore di United Colors of Benetton: era responsabile dell’immagine del marchio, della pubblicità e della presentazione della Collezione. A fine anno, Benetton presentò la nuova strategia per il periodo 2004-2007: le vendite sarebbero dovute aumentare del 25% e il margine operativo lordo del 40%. Per raggiungere tali risultati senza una guerra di prezzi, la qualità del prodotto doveva essere per forza migliorata. La strategia si basava su una solida rete di distribuzione e sul know-how di produzione. Il 2003 si chiuse con un fatturato consolidato di 1,885 miliardi di euro, un utile netto di 108 milioni di euro e una posizione finanziaria netta di 368 milioni di euro.

A giugno 2004 si contò il quindicesimo anno dalla quotazione di Benetton nella Borsa di New York. La presenza del gruppo su Internet era raddoppiata, con i siti web www.benetton.com e www.benettongroup.com. Il primo è un sito web incentrato sui consumatori, mentre il secondo offre informazioni finanziarie e notizie sull’attività di comunicazione del Gruppo. A dicembre 2004, venne aperto un nuovo negozio in via Maistra a St. Moritz, in posizione centrale: due piani offrivano l’intera collezione United Colors of Benetton.

Il 2004 si chiuse con un fatturato consolidato di 1,668 miliardi di euro, di cui 1,504 miliardi di euro prodotti dalla divisione casual. Il margine operativo lordo era di 757 milioni di euro, l’utile netto di 123 milioni di euro e gli utili non distribuiti di 431 milioni.

2005 

Il primo trimestre del 2005 mostrò un fatturato di € 378 milioni (rispetto ai 381 dello stesso periodo nel 2004) e un utile netto di € 23 milioni (rispetto ai 28 milioni del 2004). La posizione degli utili non distribuiti migliorò, con 470 milioni, contro 497 dell’anno precedente. Ad aprile, Benetton firmò un accordo di joint venture con il Gruppo Boyner, con l’obiettivo di rafforzare i marchi Benetton in Turchia.

Nel maggio 2005 venne firmato un accordo di licenza con Selective beauty per lo sviluppo e la distribuzione a livello mondiale dei profumi Benetton. A giugno, il gruppo assicurò, con un pool di 10 banche, una linea di credito rotativa per 500 milioni, prevista per il 2010. A giugno venne firmato un accordo di licenza a livello mondiale con Zorlu Holding per la produzione e la distribuzione del Sisley Collezione Home.

40° anniversario

Benetton Sfilata per i 40 anni di Benetton
Sfilata per i 40 anni di Benetton

Per il 40° anniversario, Benetton propose per la prima volta una sfilata della collezione autunno/inverno. L’evento si tenne il 10 ottobre 2006 al Centre Pompidou di Parigi. Inoltre venne inaugurata una mostra (per la durata di un mese), “Les Yeux Ouverts” (Occhi aperti al mondo e al futuro), finanziata da Fabrica, il centro di ricerca sulla comunicazione, e dal World Food Programme (WFP) delle Nazioni Unite.

Nel febbraio 2008 Benetton lanciò una nuova campagna di comunicazione globale, la Microcredit Africa Works, a favore del microcredito in Senegal, in collaborazione con Youssou N’Dour.

Eventi e campagne

Opening Soon…

Benetton Opening Soon
Opening Soon

OPENING SOON … è una mostra Benetton presentata alla Triennale di Milano (27 gennaio/15 febbraio 2009). La mostra era dedicata al futuro dello spazio retail della moda, in collaborazione con POLI.design e con il contributo del gruppo di design Fabrica. Il tema centrale della mostra OPENING SOON… era l’evoluzione presente e futura dello spazio retail, un’area in cui Benetton era protagonista mondiale sin dal debutto degli anni ’60.

“Questa mostra – spiega Alessandro Benetton, vicepresidente esecutivo del Gruppo – è il punto di partenza per la ricerca che dà ancora una volta voce alle idee, alla creatività e al talento dei giovani. Siamo convinti che sostenere questo tipo di ricerca e di merito sia una risposta necessaria all’attuale crisi economica, per essere pronti a cogliere il momento della ripresa non appena arriverà. Per Benetton, il design è l’essenza del gruppo, la sintesi del prodotto e della cultura aziendale, uno specchio per i valori del marchio e una forma decisiva di comunicazione con il mondo “.

Alessandro Benetton, Tina Brown, Arne e Marc Glimcher celebrarono l’apertura della Biennale d’Arte di Venezia con l’evento “Cocktail in Venice”.

It’s My Time

A febbraio 2010 il Gruppo Benetton lanciò il concorso mondiale IT’S MY TIME. In 36 giorni si iscrissero oltre 65.000 partecipanti da 217 paesi diversi; il sito era stato visitato da quasi 4 milioni di persone e circa 60 erano i milioni di pagine visualizzate. Il primo casting online si chiuse con 20 vincitori, che volarono a New York e collaborarono con il fotografo di fama mondiale Josh Olins per la campagna pubblicitaria mondiale (stampa, internet e cartelloni) autunno/inverno 2010/2011

Benetton It's My Time
It’s My Time

Biagio Chiarolanza e Franco Furnò divennero i nuovi direttori con poteri esecutivi. Un anno dopo, You Nguyen, venne nominato United Chief of Benetton, Chief Merchandising Officer e Creative Director di United Colors of Benetton.

Il 6 settembre 2011 Benetton aprì le porte a un triplo evento simultaneo nei concept store di Istanbul, Milano e Monaco (e anche sul web) per presentare 15 installazioni d’arte di Erik Ravelo, artista cubano di Fabrica. I pezzi parlavano del colore e del filo (di lana) che lega tutta l’umanità. Benetton lanciò la collezione autunno/inverno 2011 sotto il segno dell’arte.

La fondazione Unhate

Benetton Unhate Campagna pubblicitaria Unhate: capi di stato e chiesa si baciano
Campagna pubblicitaria Unhate: capi di stato e chiesa si baciano

A novembre 2011 venne presentata, con una campagna di comunicazione mondiale, la Fondazione Unhate: creata secondo la nuova strategia di responsabilità sociale delle imprese, è stata fortemente voluta dal Gruppo. L’obiettivo era quello di contribuire a combattere la cultura dell’odio, in linea con i valori Benetton, attraverso campagne di comunicazione globale. Molte delle immagini vedevano i leader mondiali stretti in un bacio: molto controversa, nel 2012 vinse il Festival di Cannes.

Nel 2012 il Gruppo Benetton uscì dalla Borsa di Milano.

La collezione Color

Benetton Campagna pubblicitaria Color
Campagna pubblicitaria Color

Nel 2013 l’azienda utilizzò un’incredibile campagna pubblicitaria (poi divenuta icona) per celebrare l’imminente lancio della collezione primavera/estate 2013, “Color”. 9 furono le celebrità a parteciparvi, tra cui Charlotte Free, lo chef Matias Perdomo, l’attore Dudley O’Shaughnessy e Hanaa ben Abdesslem, ognuna delle quali rappresentava un colore diverso: rosso, viola, rosa, arancione, giallo, verde, blu, nero e bianco. Ciascun colore rifletteva personalità e umore, con il messaggio: “Essere naturali e liberi”.

Lo stesso anno, il Gruppo Benetton si è unito a Greenpeace per contribuire a eliminare, entro il 2020, le emissioni di sostanze chimiche pericolose della catena di approvvigionamento e di produzione.

On Canvas

Benetton On Canvas, Mosca
On Canvas, Mosca

Nel 2014 il Gruppo lanciò “On Canvas“, un nuovo concept store che rende il prodotto vero protagonista. Prime location furono Milano, Mosca e Berlino: la struttura era innovativa, accogliente, funzionale e dinamica. La naturale evoluzione del negozio Benetton, concepito come incontro tra la sua storia e la sua modernità, tra qualità e cura del cliente, protagonista centrale per ottenere del design autentico, tra esperienza tecnologica ed emotiva. Concept è il telaio, struttura leggera, semplice ma solida e quasi invisibile, grazie a cui vengono create stagioni, collezioni, colori e materiali: il telaio, simbolo di tradizione e artigianalità, diventa anche simbolo di innovazione e trasformazione del negozio.

Sempre nel corso del 2014, il Gruppo Benetton acquisì un nuovo Consiglio di Amministrazione; Gianni Mion venne nominato Presidente non esecutivo e Marco Airoldi Amministratore Delegato e Direttore Generale.

Benetton per Women Empowerment

Il 25 novembre 2014 Benetton rese pubblica la campagna New United Colors of Benetton a sostegno di UN Women, in occasione della Giornata internazionale dell’ONU per l’eliminazione della violenza contro le donne. L’obiettivo della campagna di United Colors of Benetton, ideata e creata da Fabrica, era quello di promuovere la consapevolezza internazionale della necessità di azioni concrete per sostenere le donne, di sponsorizzare programmi di prevenzione e di promuovere un’educazione basata sul rispetto delle differenze e sulle pari opportunità.

Benetton per Women Empowerment
Benetton per Women Empowerment

Nel 2015 Benetton presentò il Benetton Women Empowerment Program, un’iniziativa a lungo termine per sostenere i diritti delle donne in tutto il mondo. Il programma WE (Women Empowerment Program) è un programma di sostenibilità a lungo termine del Gruppo Benetton volto a sostenere l’empowerment delle donne in tutto il mondo. Per raggiungere l’obiettivo dell’uguaglianza di genere e dell’emancipazione delle donne, il Gruppo Benetton ha identificato cinque punti chiave in conformità con l’agenda delle Nazioni Unite.

Nel 2017, per celebrare la Giornata internazionale della donna, 017 Benetton ha lanciato la nuova campagna “United by Half” (Uniti per metà), per incoraggiare le donne di tutto il mondo a unirsi e lottare per l’uguaglianza di genere. La campagna, introdotta in India, ha raggiunto risultati incredibili; il video è stato visualizzato più di 7,7 milioni di volte su YouTube.

Situazione attuale

Dal 2016 Benetton ha iniziato a cambiare la sua brand identity attraverso una nuova piattaforma creativa, Clothe for Humans. Questa campagna mira a celebrare “la bellezza dei momenti e delle emozioni quotidiane”. La società si sta muovendo dallo shockvertising (pubblicità shock) al “never shocking” (mai scioccante); tuttavia sicuramente si merita un posto come una delle società con le campagne pubblicitarie più efficaci di sempre.

Benetton I See Colors Everywhere, Trienniale di Milano, 2017
I See Colors Everywhere, Trienniale di Milano, 2017

A settembre Benetton ha presentato alla Triennale di Milano I See Colors Everywhere, mostra (aperta fino ad ottobre 2017) sul tema del colore, curata dallo stesso centro di ricerca sulle arti e la comunicazione del Gruppo.

BROOKS BROTHERS

Azienda fondata nel 1818 da Henry Sands Brooks, primo commerciante di tessuti che, negli Stati Uniti, creò il look “preppy”.

Indice

  1. Le origini
  2. Lo stile Brooks Brothers
  3. Lo sviluppo del brand
  4. Il Grande Gatsby
  5. Direttori creativi
  6. Beneficenza
  7. Situazione attuale

Le origini

Brooks Brothers Prima sede produttiva
Prima sede produttiva

Brooks Brothers è un’azienda americana fondata a New York nel 1818 da Henry Sands Brooks con il nome H. & D. H. Brooks & Co. Nel corso degli anni l’azienda mantenne sempre sia le attività di vendita al dettaglio, sia quelle produttive. Nel 1845 Brooks Brothers divenne pioniera nel campo del prêt-à-porter maschile e, successivamente, anche femminile; gli abiti su misura Brooks Brothers, confezionati a mano, vestirono molte personalità dell’epoca come A. Lincoln, che addirittura indossava un cappotto Brooks Brothers la famosa sera in cui venne assassinato.

Brooks Brothers portò alla ribalta dell’eleganza maschile americana la cravatta a foulard, l’Harris Tweed importato dalla Scozia, i maglioni di shetland e le giacche polo con bottoni di madreperla e la cintura alta e le calze Argyle. Introdusse anche le camicie button down su camicie, indossate dai giocatori di polo in Inghilterra, prodotti che ben presto divennero icone e best-seller per molti anni. Quando nel 1945 furono importate le cravatte stile British club, Brooks Brothers ebbe la geniale idea di invertire la direzione delle bande diagonali tipiche di questo tipo di cravatte, creando un nuovo stile, tutto americano. L’azienda aprì il suo primo reparto donna nel ’49: da lì in poi si dedicò anche all’abbigliamento bambino e agli accessori.

Lo stile Brooks Brothers

Brooks Brothers Lo stile Brooks Brothers
Lo stile Brooks Brothers

Brooks Brothers è il brand di abbigliamento maschile più antico d’America: ha letteralmente definito il concetto di eleganza per l’uomo statunitense e, in seguito, anche per la donna. Anche oggi, dopo quasi due secoli, Brooks Brothers fa sentire ben forte la sua voce. Il brand iniziò la sua storia durante la Guerra Civile, realizzando le uniformi per le truppe dello Stato di New York. Ad oggi Brooks Brothers è celebre per aver introdotto il prêt-à-porter uomo su misura. La vera rivoluzione fu, però, la camicia “button-down”, risalente al 1896, ispirata all’abbigliamento dei giocatori di polo inglesi. Al 1850 risale, invece, il disegno del logo con il vello d’oro, rimasto sino ad oggi.

Brooks Brothers Kennedy indossa un abito Brooks Brothers
Kennedy indossa un abito Brooks Brothers

Nel corso degli anni la compagnia ha vestito icone come Clark Gable e John F. Kennedy. Il brand è stato identificato, alla fine del XX secolo, con lo stile conservatore della costa orientale, noto come “preppy” o “Ivy League”.

Lo sviluppo del brand

Nel 2001 Claudio Del Vecchio, Presidente e proprietario della Retail Brand Alliance, pagò a Marks & Spencer 225 milioni di dollari per il brand e per l’acquisizione di 242 negozi Brooks Brothers. Nel 2003 il brand, tra gli altri, aveva anche 160 negozi negli Stati Uniti e 67 in Giappone. Il fatturato annuo superava i 600 milioni di dollari; 5 milioni erano le camicie prodotte ogni anno. In aprile, il brand concluse la collaborazione biennale con Diego Della Valle, proprietario di Tod’s.

Brooks Brothers Brett Hollands, scatto di Matt Albiani per la collezione Brooks Brothers inverno 2002
Brett Hollands, scatto di Matt Albiani per la collezione Brooks Brothers inverno 2002

Nel 2004 il brand presentò un CD in edizione speciale, creato in esclusiva per Brooks Brothers dalla Lincoln Center Jazz Orchestra con Wynton. La società aveva sponsorizzato “Jazz at Lincoln Center” dal 2001: tutti gli artisti indossavano abiti Brooks Brothers. Il CD “The Lincoln Center Jazz Orchestra with Wynton Marsalis Plays the Music of Duke Ellington” (La Lincoln Center Jazz Orchestra con Wynton Marsalis suona la musica di Duke Ellington) venne messo in vendita in alcuni retail store Brooks Brothers selezionato e sul sito ufficiale.

La forza del bran è sempre stata l’eleganza “rilassata” nella più classica tradizione americana: il look sportivo ma sofisticato ha permesso a Brooks Brothers di rimanere fedele all’idea originaria di chic accessibile. Per la stagione autunno/inverno 2007-2008, il brand lanciò la linea Black Fleece, vero e proprio manifesto dell’evoluzione del costume americano: distribuita da una rete di negozi monomarca, la collezione era nata dalla mano dello stilista americano Thom Browne.

Brooks Brothers Linea Black Fleece
Linea Black Fleece

Nel 2009, Brooks Brothers entrò nel mercato canadese con nuovi negozi a Vancouver e a Toronto. Nel frattempo, il brand aveva anche aperto il suo primo negozio in Messico, a Guadalajara. Il target dell’azienda si stava trasformando, includendo un pubblico più giovane e giovanile: Brooks Brothers decise di rivolgersi alle nuove generazioni, proponendo una collezione di abbigliamento sportivo ed una prodotta sotto licenza, pensata per le biblioteche scolastiche, con tanto di logo.

Il Grande Gatsby

Brooks Brothers Il Grande Gatsby: Leonardo Di Caprio veste Brooks Brothers
Il Grande Gatsby: Leonardo Di Caprio veste Brooks Brothers

Brooks Brothers e Prada disegnarono i costumi di scena per l’applauditissimo film “Il Grande Gatsby” (2013): il lungometraggio, che rappresenta le icone dello stile americano anni Venti, ha avuto molta influenza nel mondo della moda. Brooks Brothers ha prodotto 1.700 pezzi per il film: la maggior parte per i personaggi maschili, tra cui quelli per il protagonista Jay Gatsby, interpretato da Leonardo DiCaprio. Dopo l’enorme successo de “Il Grande Gatsby”, Brooks Brothers prese la decisione di presentare una collezione limitata che includeva il papillon nero a bordoo bianco indossato da Leonardo DiCaprio nella locandina ufficiale del film.

Direttori creativi

Brooks Brothers Zac Posen nel backstage della sfilata primavera 2013
Zac Posen nel backstage della sfilata primavera 2013

Nel 2014 Zac Posen fu nominato nuovo direttore creativo di abbigliamento donna e accessori: noto per il suo amore per l’artigianale, Posen adottò uno stile sempre vivace che ben si adattò all’identità del brand, donandogli un tocco più femminile.

Nel 2015, dopo 8 anni di collaborazione, Thom Browne decise di abbandonare Brooks Brothers per concentrarsi sulla propria etichetta: la Black Fleece Fall 2015 fu l’ultima sua collezione.

Beneficenza

La responsabilità sociale è sempre stata argomento di interesse per Brooks Brothers: dal 2005 l’azienda ha raccolto circa 14,5 milioni di dollari da destinare all’ospedale pediatrico St. Jude, occupato nella ricerca econtro il cancro e altre malattie letali. Nel 2016 Brooks Brothers donò allo stesso centro il 10% delle vendite. Brooks Brothers si impegnò anche nel promettere 20 milioni di dollari per la realizzazione del Brooks Brothers Computational Center, da annettere al St. Jude Children’s Research Hospital.

Situazione attuale

Brooks Brothers Campagna pubblicitaria in collaborazione con Mike Mellia
Campagna pubblicitaria in collaborazione con Mike Mellia

Nel 2017 Brooks Brothers ha scelto di collaborare con l’Instagram influencer Mike Mellia: Mellia aveva pubblicato sul suo profilo una serie di video in loop che, divenuti virali, avevano attirato l’attenzione di molti fashion brand, tra cui anche Brooks Brothers. L’azienda, insieme a Mike, ha costruito una nuova campagna pubblicitaria basata proprio sui video in loop dell’influencer: nella pubblicità gli oggetti si muovevano intorno a lui, completamente immobile.

Lo stessa anno, Brooks Brothers è stata accusata di violazione della privacy: diversi clienti hanno visto divenire pubbliche le loro informazioni, a causa di alcuni errori o leggerezze dell’azienda.

Nel 2018 Brooks Brother festeggerà i 200 anni di attività: per celebrare il traguardo, la società ha pianificato una serie di eventi e attività in tutto il mondo per tutto l’anno. Secondo Brooks Brothers, a gennaio, il marchio collaborerà con Pitti Immagine Uomo 93 per presentare lo stile originario di Brooks Brothers con una retrospettiva resa possibile dagli storici archivi aziendali.

Attualmente, Brooks Brothers possiede oltre 280 negozi negli Stati Uniti e 700 negozi in 45 altri paesi.

BYBLOS

Marchio italiano nato nel 1973 su iniziativa di Arnaldo Girombelli (fondatore della Genny Holding) e di suo fratello Sergio.

Per i primi anni di vita lo stile giovane e fresco del marchio è legato al genio visionario di un allora ventenne Gianni Versace, che lavora come direttore creativo dal 1977 al 1979. A succedergli è il designer francese Guy paulin (1979-1982); poi è la volta del due inglese composto da Keith Varty e Alan Cleaver, che disegnano le collezioni dall’83 al ’96. Questo è il periodo d’oro di Byblos che diventa un marchio riconosciuto internazionalmente e rappresenta molto bene la capacità tutta italiana di addomesticare la creatività per creare progetti diretti al mercato. Nel 1997 è chiamato alla direzione artistica l’americano Richard Tyler, cui segue il giovane (con tanto di laurea alla Harvard University) John Bartlett, che resta direttore creativo fino al 2002, anno in cui la Swinger International S.p.A., azienda veronese specializzata nella progettazione, produzione e distribuzione di capi e accessori di abbigliamento d’alta gamma, acquisisce il marchio producendone così tutte le collezioni, sia donna che uomo. Nel 2003 il team creativo è formato da un terzetto di designer che hanno alle spalle collaborazioni con grandi nomi del prete-à-porter italiano: Stefano Citron (ex Krizia e Mila Schoen), Federico Piaggi (ex Max Mara, Sportmax, Trussardi, Valentino, Mila Schoen) e Greg Myler (ex Erreuno, Krizia, Mila Schoen).

Oggi direttore creativo della Maison è Manuel Facchini. Classe 1973, il suo mantra è uno sperimentalismo che non conosce limiti, se non quelli dettati dalle esigenze della produzione industriale. La vocazione a sviluppare uno stile che si evolva sui binari dell’innovazione continua di forme e concetti, Manuel l’ha affinata e potenziata nella sua città del cuore, Londra, dove ha scoperto un mondo che prima gli era sconosciuto: “Mentre frequentavo la Central Saint Martins School ho avuto modo di misurarmi con una dimensione di creatività pura che mi ha aperto nuovi orizzonti, non solo nell’ambito della comunità dei giovani stilisti della scuola, ma anche osservando le abitudini della gente per strada, il modo originale di esprimersi e di vestirsi; tante attitudini differenti che lasciano, ognuna a suo modo, il segno.”.

Nel 2009 nasce il magazine online firmato Byblos, con approfondimenti e curiosità sul contemporaneo, che spaziano dalla moda al design, dall’arte all’high tech e al lifestyle, il tutto filtrato attraverso il punto di vista del direttore creativo della maison. Altra importante declinazione del gusto Byblos, che sottolinea il forte legame tra il marchio e l’arte, specie quella contemporanea, è senz’altro l’hotel a cinque stelle che ha sede a Varese, nell’incantevole struttura di Villa Amistà, il Byblos Art Hotel: una sontuosa dimora padronale dei primi del Cinquecento, concepita, oltre che hotel, come una mostra permanente di arte contemporanea, che raccoglie al suo interno le opere di artisti provenienti da ogni parte del mondo.

Uno degli aspetti fondamentali dello stile Byblos, così come reinventato da Facchini, è l’anfani sulla plasticità voluttuosa delle forme e sulla consistenza scultorea e avvolgente dei volumi, che forgiano silhouette up-to-date con un piglio sensuale e futurista. Un glam barocco che sottolinea influssi cinematografici e iconografici, e una notevole ricerca nel rapporto fra corpo e abito che, prendendo vita dall’elaborazione della maglieria, si declina gradatamente in tessuti solidi ma senza peso, come il faille, il mikado e l’organza doppia.L’identità delle collezioni che portano il segno di Manuel Facchini è definita essenzialmente da una visione sincretica della realtà: “Nella mia mente si sommano e si contrappongono concetti apparentemente inconciliabili, che poi, raggiungendo una sintesi finale, diventano l’humus del progetto stilistico: per esempio l’arte di Damien Hirst che fissa, sublimandolo, l’attimo che separa la vita dalla morte, assemblata con il rock style anni Settanta, oppure l’estetica rigorista e suggestiva dei costumi dei samurai che si combina con lo spirito plastico delle opere di Santiago Calatrava.”.

BURBERRY

Luxury brand londinese, famoso nel mondo della moda per i suoi impermeabili, trench e capispalla, ma anche per i numerosi accessori, profumi, occhiali da sole e cosmetici.

Indice

  1. Le origini: Thomas Burberry
  2. Tessuto: Gabardine 
  3. Il Trench
    1. L’Esercito Britannico
    2. Gli esploratori
    3. L’aviazione
  4. Direttore Creativo: Christopher Bailey
  5. Informazioni finanziarie
  6. Nuovo CEO: Angela Ahrendts
  7. Situazione attuale

Le origini: Thomas Burberry

Thomas Burberry, classe 1835, iniziò la sua carriera come apprendista, al fianco di un commerciante di tessuti. Ben presto, a 21 anni, fondò Burberry, concentrandosi principalmente sull’abbigliamento outdoor. Come per il giaccone Barbour, anche Burberry rappresenta uno di quei casi di identificazione assoluta di un brand con un prodotto: infatti oggi, con Burberry, viene comunemente inteso l’impermeabile-soprabito color beige con la fodera in tartan nera e rossa, con o senza cintura in vita. Questo prototipo nacque nel 1856, quando Thomas Burberry aprì la T. B. & Sons, il suo primo negozio di stoffe a Basingstoke (Hampshire).

Burberry Thomas Burberry
Thomas Burberry

Tessuto: Gabardine

Mame Fashion Dictionary: Tessuto Gabardine
Tessuto Gabardine

Assieme al proprietario di una fabbrica di cotone, Thomas Burberry produsse un soprabito-impermeabile dalla linea ampia, in stoffa di cotone chiamata gabardine, reso impermeabile una prima volta allo stato di filato, e una seconda volta già tessuto a trama fitta. Questo prodotto rivoluzionò il mondo degli impermeabili. Nel 1891 l’azienda si trasferì per la prima volta a Londra, al 30 di Haymarket.

Il Trench

L’Esercito Britannico

Nel 1901 il Ministero della Guerra gli commissionò un modello adatto agli impieghi militari: fu la sua fortuna. La nuova uniforme diede una nuova fisionomia al modello. L’anno successivo, brevettò il gabardine e, nel 1912, anche il trench-coat Burberry che, allo scoppio della prima guerra mondiale, divenne il trench dei British Royal Flying Corps.

Burberry Un Ufficiale Britannico indossa il trench Burberry
Un Ufficiale Britannico indossa il trench Burberry

Il capo aveva spalline, una cintura in vita fornita di anelli per appenderci quel che poteva essere necessario in trincea, cinghie e cinghiette per farne una sorta di scafandro contro l’acqua e il freddo, raddoppi di tessuto nelle parti più esposte alla pioggia e innumerevoli tasche.

Gli esploratori

Nel 1914 Burberry vestiva diversi esploratori polari: infatti, ad esempio, nel 1911 vestì Roald Amundsen, il primo uomo a raggiungere il Polo Sud. Inoltre, Sir Ernest Shackleton, famoso esploratore, indossò il Burberry gabardine per tre spedizioni all’inizio del XXsecolo.

Pubblicità Burberry
Pubblicità Burberry

A partire dal 1920, dopo essere stato messo alla prova in quella terribile guerra, Burberry si propose ad una clientela di classe media, borghese, e riscosse subito un gran successo, un successo che continua sino ad oggi, senza cedimenti, nonostante le decine e decine di imitazioni.

L’aviazione

Burberry Clouston e Betty Kirby
Clouston e Betty Kirby

Nel 1937 Burberry disegnò i capi per A.E. Clouston e Betty Kirby-Green, che definirono il nuovo record mondiale per il volo più veloce da Londra a Città del Capo. Volarono con “The Burberry”, aereo sponsorizzato dal brand.

Burberry rimase un’azienda a conduzione familiare fino al 1955, quando fu rilevata. A quel tempo Burberry era così parte integrante della cultura britannica, che la Regina Elisabetta II e il Principe del Galles conferirono all’azienda il Royal Warrant.

Direttore Creativo: Christopher Bailey

Burberry Motivo Burberry
Motivo Burberry

Alla fine degli anni ’90, la casa di moda assunse Roberto Menichetti, designer che varò una linea estremamente innovativa rispetto alla consolidata tradizione dell’azienda.

Nel 2000 l’azienda fu ristrutturata e promossa, rivitalizzando il suo successo e le sue vendite anche in nuovi settori di mercato. Nel settembre dello stesso anno venne presentata a Londra la collezione primavera/estate 2001 disegnata da Menichetti. Nel laboratorio di Gubbio, dove lavorava anche Ivonne, madre del designer italo-americano, i prodotti erano realizzati artigianalmente, in seta e cotone, cuciti con fili di carbonio. Nel maggio 2001, Menichetti lasciò la guida artistica di Burberry: la sua posizione divenne di Christopher Bailey.

Burberry Christopher Bailey
Christopher Bailey

Gli elementi caratteristici di Burberry rimasero nel tempo: il tweed inglese e i trench vengono infatti riproposti in modi diversi ogni anno. La ventata di novità portata dall’arrivo di Bailey come nuovo direttore creativo si concretizzò nella creazione di una seconda linea, Burberry Prorsum, legata ai trend e rivolta a un pubblico più giovane, dove la tradizione del marchio e dei suoi elementi irrinunciabili (l’uso del tweed, i trench rivisitati col loro proverbiale pattern, la palette di colori) si mescolava a un’esigenza di modernizzazione e di conquista di nuove categorie di consumatori.

Lo stesso nome del marchio, Prorsum, è il motto latino di incoraggiamento (Avanti!), che il cavaliere del logo Burberry porta scritto sul vessillo, quasi a simboleggiare uno sguardo al futuro, senza rinunciare alla tradizione (e al core business) che ha fatto la fortuna del brand.

Christopher Bailey infatti non solo rivisitò forme e volumi, colori e materiali, ma portò al marchio quella ventata di glamour irrinunciabile per la visibilità. Oltre al coinvolgimento di star del cinema, della musica e della moda, anche le campagne pubblicitarie si fecero moderne e competitive.

Il brand si lanciò in settori del mercato inesplorati, come i profumi per donna e uomo, accessori di ogni tipo, fino alla proposta di una linea di denim per donna e uomo nella collezione primavera/estate 2009 e all’annuncio dell’imminente realizzazione di una linea di intimo. La ritrovata vivacità portò il brand anche ad un ampliamento delle sue catene di boutique nel mondo e a un restyling dei negozi, oltre a una nuova attenzione per linguaggi della promozione, come la vendita online dei suoi prodotti.

Informazioni finanziarie

A marzo 2002, la società acquisì una propria rete di distribuzione nel mercato coreano. A giugno dello stesso anno, annunciò che il 2001 si era concluso con un aumento del 220% dell’utile operativo, pari a 69 milioni. A fine 2002 vennero aperti negozi a San José, in California e il secondo a New York, dopo il restyling dei sei piani della prima boutique.

Nel mese di luglio, il gruppo britannico Great Universal Stores (GUS), che tra i vari marchi controllava anche Burberry, decise di far quotare l’azienda. Il prezzo delle azioni venne fissato a 230 pence (3,6 euro). Con la vendita di 22,75 milioni di azioni (il 25% della società), la quotazione del brand raggiunse i 1.150 milioni di sterline. A fine 2002, fu inaugurato il secondo negozio monomarca a Knightbridge e venne aperta una nuova boutique a Barcellona. L’anno si concluse con un aumento delle entrate del 19%.

Negozio Burberry, Knightsbridge, Londra
Negozio Burberry, Knightsbridge, Londra

Per l’autunno-inverno 2003-2004, venne rilanciato il marchio Thomas Burberry, dedicato al tempo libero e allo sport. Questa linea a prezzi contenuti aveva come target i ragazzi 18-25 e si ispirava alle tute da rugby e alla storia del denim. Nel giugno 2003, durante la cerimonia annuale organizzata dal Council of Fashion Designers of America (CFDA), Rose Marie Bravo di Burberry venne insignita del premio Eleanor Lambert.

Nuovo CEO: Angela Ahrendts

Nel 2006, Rose Marie Bravo, amministratore delegato che dicevano avrebbe portato la società al successo internazionale, si ritirò dall’incarico. Fu sostituita da Angela Ahrendts, che proveniva da Liz Claiborne, la quale divenne nuovo CEO il primo luglio 2006. Un anno dopo, nel 2007, il brand iniziò a vendere anche online.

Nel novembre 2009, Christopher Bailey fu messo a capo del dipartimento creativo. Negli anni seguenti, Ahrendts e Bailey trasformarono con successo l’azienda rimuovendo l’iconico motivo tartan del brand da quasi il 10% dei nuovi prodotti.

Burberry Collezione primavera/estate 2009
Collezione primavera/estate 2009

Ad aprile 2014, Angela Ahrendts lasciò Burberry a favore di Apple Inc. e Christopher Bailey diventò il nuovo CEO, pur rimanendo anche direttore creativo.

Situazione attuale  

Nel febbraio 2017 Burberry rivoluzionò il settore della moda con la prima sfilata See Now Buy Now per la collezione autunno/inverno 2017: i fan poterono acquistare a fine show le creazioni appena mostrate in passerella.

Burberry Collezione autunno/inverno 2017
Collezione autunno/inverno 2017

“I cambiamenti che stiamo facendo ci permetteranno di costruire una connessione più stretta tra l’esperienza che creiamo con le nostre sfilate e il momento in cui le persone possono esplorare fisicamente le collezioni da soli.”   Christopher Bailey. 

Nel 2017 Burberry annuncia una nuova partnership con Coty per crescere e sviluppare le linee beauty. A luglio, l’ex capo di Celine, Marco Gobbetti, diventa il nuovo CEO, a sostituzione di Bailey, il quale rimane, però, direttore creativo

LUISA BECCARIA

Luisa Beccaria è femminilità, grazia, romanticismo. Immagina donne ninfe e sognatrici. Leggi la storia del marchio dalla prima collezione ad oggi.

Indice.

  1. Le origini.
  2. Le ispirazioni.
  3. L’espansione del brand.
  4. La scelta di Luisa Beccaria.
  5. Lucilla Bonaccorsi.
  6. Gli anni recenti.
  7. Situazione attuale.

Le origini.

Luisa Beccaria è discendente di Cesare Beccaria, giurista del Settecento, celebre autore di Dei delitti e delle pene. Un altro suo antenato è Giulia Beccaria, madre del Manzoni. Sposata, 5 figli, si definisce stilista per vocazione:

“Giovanissima, ho disegnato i miei primi abiti da ballo”.

Nel 1989 debutta a Milano Collezioni e stupisce il pubblico con un tableaux vivant, cui partecipano ragazze della buona società. Il suo vero debutto, però, risale al 1980, quando presenta alcuni modelli in una galleria d’arte, quella di Fornasetti, quasi per gioco. E li vende tutti in 3 giorni. Il divertimento, dunque, si è già trasformato in lavoro.

Dizionario della Moda Mame: Luisa Beccaria. Un ritratto della stilista.
Un ritratto della stilista.

Le ispirazioni.

“L’estro e la creatività non hanno tempo, non hanno spazio. Non hanno parole che li descrivano, semplicemente si manifestano”.

Fin da piccola Luisa Beccaria è stata circondata dall’arte, dalla poesia, dalla musica e dalla natura. Ha inventato un’estetica super femminile che parla di sé come di una “sognatrice contemporanea“, che porta lo spirito di ogni donna a sognare. Le sue ispirazioni sono l’arte, la letteratura, la musica e la filosofia del tardo XVIII secolo ed inizi del XIX.

Dizionario della Moda Mame: Luisa Beccaria. Una sfilata a Milano, 2012.
Una sfilata a Milano, 2012.

Il Neoromanticismo è la firma che il marchio ha impresso attraverso l’uso di tessuti speciali come merletti e broccati lucidi, tulle bianco impreziosito con fiori tridimensionali in velluto, portati in vita da fantasie che evocano la leggerezza di un sogno. Affascina l’originalità delle sue creazioni, realizzate con dovizia di particolari, in tessuti preziosi, dai colori insoliti e sorprendenti. Oltre a queste ispirazioni c’è anche un vibrante tocco mediterraneo che proviene dalla Sicilia, terra d’origine del marito di Luisa, Lucio Bonaccorsi.

Dizionario della Moda Mame: Luisa Beccaria. La famiglia.
La famiglia di Luisa Beccaria.

L’espansione del brand.

Luisa Beccaria presenta la sua prima collezione haute couture a Roma nel 1991. Il resto è cronaca: le collezioni prendono il ritmo stagionale, apre boutique monomarca per donna, sposa, bambino; inaugura un atelier per le creazioni esclusive su misura. Affiancando nomi come Versace e Valentino, diventa ospite d’onore alla settimana della moda francese con la sua sfilata haute couture, su invito dell’Istituto italiano della Cultura a Parigi. Ha poi organizzato, in seguito, altre passerelle haute couture nella Ville Lumière.

Dizionario della Moda Mame: Luisa Beccaria. I dettagli di alcuni abiti della collezione Primavera/Estate 2016.
I dettagli di alcuni abiti della collezione Primavera/Estate 2016.

L’opera di Luisa Beccaria ha rivoluzionato la moda, come lei stessa ha affermato:

“Per le donne è giunto il momento di abbracciare grazia, romanticismo e femminilità.”

Affascina questa sua donna dei sogni, a volte fragile come un cristallo di Lalique, oppure riecheggiante memorie passate, dentro abiti ispirati ai dipinti di Fragonard o Winterhalter. E, ancora, citazioni più vicine che conducono alle dive di Hollywood per approdare sempre e comunque ad un romanticismo contemporaneo ricco di suggestioni.

La scelta di Luisa Beccaria.

Il gruppo Vendôme propone a Luisa Beccaria di sostituire Karl Lagerfeld alla maison Chloé: ma lei, pur lusingata, ha il coraggio di rifiutare. Luisa sceglie di rimanere in Italia per sviluppare la sua linea personale e per stare accanto alla sua famiglia.

L’incredibile decisione diventa notizia che rimbalza negli Usa. Vogue America e l’affermatissimo Woman’s Wear Daily le dedicano ampi servizi. Alla vigilia del 2000 firma la prima collezione prêt-à-porter che presenta a Milano Collezioni e distribuisce in negozi esclusivi come Barney’s New York e Barney’s Giappone.

Lucilla Bonaccorsi.

Dizionario della Moda Mame: Luisa Beccaria. Lucilla Bonaccorsi.
Lucilla Bonaccorsi.

Nel 2006 Lucilla Bonaccorsi, la figlia maggiore di Luisa, decide di entrare nel team e di occuparsi di tutte le collezioni prêt-à-porter del marchio. Lucilla ha coltivato per tutta la vita una particolare visione estetica. Il suo interesse verso il mondo della moda è sbocciato prematuramente. A 8 anni infatti ha chiuso una sfilata d’alta moda indossando un abito in broccato oro, ballerine, e un fiore tra i capelli.

Lucilla non solo ha accentuato lo stile super femminile del marchio, ma ha anche apportato un tocco giovane, con dettagli giocosi e idee nuove. Lucilla e Luisa, insieme, hanno portato il brand sulla via dell’eternità. Lo stile è sempre fresco, tipico di donne che sono in grado di sognare. Il mondo di Luisa Beccaria è abitato da ninfe in vestiti leggeri ed impalpabili, decorati con preziosi ricami, maniche ampie e infinite tonalità marine. Abiti che diventano sempre più affascinanti da una collezione all’altra.

Gli anni recenti.

Negli anni la moda di Luisa Beccaria ha continuato ad avere grande successo, grazie a tessuti impalpabili, colori soft, abiti caratterizzati da grazia e leggerezza per una donna poetica, ma trasversale e contemporanea. Le collezioni, realizzate attraverso citazioni colte e suggestioni di viaggi mediterranei, si susseguono di anno in anno confermando la presenza della stilista nel panorama della moda internazionale.

Le creazioni di Luisa Beccaria sono molto conosciute e ambite dalle celebrità di tutto il mondo come Nicole Kidman, Sarah Jessica Parker, Angelina Jolie, Lady GaGa, Anna Hathaway, Kate Winslet, Halle Berry, Madonna e Fan Bing Bing. Nel suo stile si rispecchiano inoltre tutte le donne che continuano a sognare con passione, forza, bellezza e libertà.

Dizionario della Moda Mame: Luisa Beccaria. Anne Hathaway in Luisa Beccaria.
Anne Hathaway in Luisa Beccaria.

Situazione attuale.

La collezione Autunno/Inverno 2017, presentata alla settimana della moda di Milano, ha visto la collaborazione con Tiffany & Co. Gli occhi di tutti sono abbagliati della bellezza degli abiti Luisa Beccaria abbinati ai gioielli Tiffany, sia sulla passerella che indossati dalle celebrità e dagli ospiti del dinner party. Le collezioni prêt-à-porter sono state presentate in un contesto che richiamava la scena de Il Gattopardo di Luchino Visconti. Hanno seguito la sfilata pranzi e cene ispirati alla Sicilia presso Il Castelluccio, il castello di famiglia nelle campagne di Noto, interprete del fascino del Made in Italy.

Dizionario della Moda Mame: Luisa Beccaria. Il Castelluccio.
L’interno de Il Castelluccio.

Il flagship store di Luisa Beccaria si trova in via Formentini 1, nel cuore di Brera a Milano. Qui si trova il mondo neoromantico della stilista, declinato in tutte le sue collezioni: donna, sposa, bambini, accessori e mobili.

BOTTEGA VENETA

Bottega Veneta è un’azienda italiana di pelletteria di lusso, nota per aver creato la famosa tecnica dell’intrecciato. Leggi tutta la storia dell’azienda.

Indice.

  1. Le origini.
  2. Il primo negozio a New York.
  3. Il rilancio del brand.
  4. Marco Bizzarri nuovo Presidente e CEO.
  5. Situazione attuale.

Le origini.

L’azienda italiana di pelletteria di lusso nasce nel 1966 a Vicenza. Bottega Veneta viene fondata da Michele Taddei e da sua moglie Laura Braggion. Dopo aver divorziato da Michele, Laura si risposa con Vittorio Moltedo e resta l’unica proprietaria dell’azienda. La prima bottega viene aperta in una villa restaurata a Montebello Vicentino, casa di alcuni dei più grandi artigiani.

Le borse in nappa, tuttora realizzate a mano, caratterizzano la produzione che è sempre stata molto alla moda. Bottega Veneta, infatti, è da sempre nota per i dettagli lussuosi ed eleganti delle sue borse. In particolare, l’azienda ha sviluppato una sua tecnica distintiva di tessitura, applicando per la prima volta alla pelletteria la tecnica dell’intrecciato, tipica degli indumenti. La trovata è stata rivoluzionaria, e costituisce, ancora oggi, l’elemento più riconoscibile del DNA del brand.

Dizionario della Moda Mame: Bottega Veneta. La tecnica dell'Intrecciato.
Un dettaglio della tecnica dell’intrecciato.

Bottega Veneta è un’azienda leader nel rappresentare la qualità della manifattura italiana e l’eleganza di una tecnica che si è tramandata di generazione in generazione.

Il primo negozio a New York.

È del 1971 l’apertura di un negozio monomarca a New York, primo degli italiani in Madison Avenue. Clienti come Jackie Onassis e Mary Tyler Moore sono fondamentali per il lancio di Bottega Veneta negli U.S.A. Seguono altri 12 monomarca in America, boutique a Parigi, Londra, Hong Kong, Singapore, Milano, Roma, Venezia, Firenze e 35 negozi in Giappone. Nel 1975, viene lanciata una linea di calzature e, nel 1998, una collezione prêt-à-porter ispirata allo sportswear americano che debutta l’anno seguente a Milano Collezioni.

Dizionario della Moda Mame: Bottega Veneta. Il negozio a Madison Avenue.
Il negozio a Madison Avenue, New York.

Il rilancio del brand.

Nel luglio del 2001 Bottega Veneta entra a far parte del Gucci Group, che, alcuni mesi dopo, viene acquistata da PPR, ora conosciuta come Kering. Nello stesso anno, il tedesco Tomas Maier prende le redini del gruppo, rivitalizzando l’azienda mediante uno svecchiamento del marchio e rilanciando il tradizionale settore degli accessori in pelle.

Dizionario della Moda Mame: Bottega Veneta. Clutches.
Clutches.

Maier ha deciso di concentrarsi sulla produzione artigianale utilizzando, l’iconica tecnica di tessitura chiamata “Intrecciato”. Inoltre, ha scelto di rimuovere il logo dai prodotti: ha aggiunto la componente minimalista, mantenendo intatto il DNA del brand. La gamma dei prodotti si è poi ampliata, con l’aggiunta delle linee di gioielleria, occhiali ed articoli per la casa.

La strategia di puntare su altri settori si è rivelata vincente: infatti, nel 2002, l’azienda ha registrato entrate record, con una crescita del 90,5% rispetto al fatturato degli altri brand appartenenti al Gruppo Kering. Nel 2003 debuttano gli occhiali unisex realizzati per Bottega Veneta da Sàfilo.

Dizionario della Moda Mame: Bottega Veneta. Gioielli.
Bangles con la classica trama intrecciata.

Nel febbraio 2005, Bottega Veneta ha presentato la sua prima sfilata ready-to-wear per la collezione donna e, nel giugno 2006, la prima sfilata per la collezione uomo. Nell’aprile 2006, il brand ha lanciato la sua prima linea di gioielli e ha iniziato a fare design di interni e mobili. Poco più tardi, il Luxury Institute di New York ha riconosciuto Bottega Veneta come il più prestigioso marchio di furniture design per le donne più ricche degli Stati Uniti.

In linea con il suo orientamento strategico, Bottega Veneta ha aperto una scuola artigianale in Italia chiamata Scuola della Pelletteria. L’obiettivo è quello di formare e sostenere gli artigiani del cuoio, preservandone la tradizione.

Marco Bizzarri nuovo presidente e CEO.

Nel 2009 Marco Bizzarri diventa nuovo presidente e CEO, dando un grande contributo all’economia aziendale e rafforzandone le performance. 2 anni dopo, nel 2011, il fatturato ha raggiunto i 6,8 milioni di euro, con una crescita del 33,7% in un anno. I profitti sono saliti ai 2 milioni di euro, con una crescita del 57,1% rispetto al 2010.

Dizionario della Moda Mame: Bottega Veneta. Marco Bizzarri.
Marco Bizzarri.

Bizzarri afferma: “Sono molto orgoglioso di questi numeri. In questo modo siamo in grado di ottenere una grande crescita economica, ma allo stesso tempo abbiamo mantenuto intatte la qualità e la tecnica di manifattura dei nostri prodotti”.

Nel 2011, la casa di moda ha introdotto il suo primo profumo, chiamato Bottega Veneta, dove la figlia di Ines de la Fressange, Nine d’Urso, è stata scelta come testimonial per la campagna. Nel 2013 Bottega Veneta viene quotata ufficialmente un miliardo di euro.

Situazione attuale.

Nel 2016, Bottega Veneta ha celebrato il suo cinquantesimo compleanno e il quindicesimo anniversario di Maier nella maison. Quindi hanno lanciato una collezione in limited edition di borse fatte a mano, che rappresenta in modo contemporaneo l’eredità dell’azienda.

Dizionario della Moda Mame: Bottega Veneta. Il 50esimo anniversario.
Lauren Hutton e Gigi Hadid al party per il 50esimo anniversario.

La situazione del brand è attualmente molto forte. Bottega Veneta ha 225 negozi a gestione diretta, migliaia di negozi multi-brand e 1.173.000 euro di entrate, il 40% delle quali proviene dall’Asia Pacifica.

Oggi, Bottega Veneta rappresenta una sobria eleganza. Non ci sono accessori scintillanti o loghi in bella vista. La sede principale rimane nell’originaria villa a Montebello Vicentino.

 

LAURA BIAGIOTTI

Laura Biagiotti ha portato nella moda italiana una componente di romanticismo e di femminilità, declinata attraverso le materie più nobili, come il cachemire, il lino ed il taffetà

Indice

  1. Biografia.
  2. L’amore per il cachemire e il bianco. la prima sfilata.
  3. Riconoscimenti.
  4. Gli anni recenti. Ulteriori riconoscimenti.

Biografia.

Laura Biagiotti è figlia d’arte: dalla madre Delia, proprietaria di un noto atelier della Roma anni ’60, ha assorbito il buon gusto e conoscenza del mondo della moda e dei grandi della couture francese, che erano allora il punto di riferimento di ogni donna elegante.

Dopo gli studi di archeologia, che hanno nutrito l’altra sua grande passione, e un’esperienza di collaborazione con Schuberth, Barocco, Litrico e altri, affianca la madre nella conduzione dell’atelier.

Intuito il potenziale del nascente prêt-à-porter di lusso, insieme a Gianni Cigna, fonda nel 1965 la Biagiotti Export, società che produce ed esporta le creazioni dell’alta moda romana. Nel 1972, entra direttamente nel settore maglieria, acquistando la MacPherson di Pisa, prestigiosa azienda specializzata nella produzione di manufatti di cachemire.

L’amore per il cachemire e per il bianco. La prima sfilata.

Le possibilità del cachemire, fino ad allora utilizzato per capi molto classici che si rifacevano alla tradizione inglese, affascinano la giovane Laura Biagiotti e la stimolano a farne una delle materie principali sulle quali basare la ricerca delle sue future collezioni. Il debutto con la prima sfilata firmata è dello stesso anno: pochi capi che ruotano attorno a una giacca bianca, trasformata dagli accessori per l’uso dal mattino alla sera. Nasce un grande amore: il bianco, che diventa da allora un altro suo segno distintivo. La stilista pensa a donne simili a lei, più che ad astratte creature da passerella. Crede a una moda facile da indossare, ad abiti per chi non vuole rinunciare a essere se stessa.

Dizionario della Moda Mame: Laura Biagiotti. Una passerella Laura Biagiotti.
Una passerella di Laura Biagiotti.

Negli anni ’80 il suo stile si affina e si definisce: le sue creazioni in cachemire sono innovative e raffinate e sperimentano soluzioni mai inventate prima, tanto che il New York Times le regalerà il titolo di “Regina del cachemire“. I suoi abiti da bambola, dalla forma trapezoidale, tagliati in lino o taffettà, si rincorrono con successo attraverso le stagioni. I lini bianchi, ricamati come la biancheria della nonna, diventano freschissime ed eleganti soluzioni per la vita moderna.

Nel 1980, acquista e riporta all’antico splendore il castello di Marco Simone, a Guidonia, nella campagna alle porte di Roma, vi installa la sua abitazione e la sua sede. L’atmosfera rilassante del castello, la sua pace, la serena vita familiare con la figlia Lavinia e il marito Gianni Cigna (prematuramente scomparso nel ’96) si integrano in una incessante attività che permette alla stilista di raggiungere importanti traguardi.

Dizionario della Moda Mame: Laura Biagiotti. La stilista con la figlia Lavinia.
La stilista con la figlia Lavinia.

Riconoscimenti.

Molti i primati: è la prima stilista italiana invitata a sfilare in Cina, nel 1988, al Cremlino nel 1995, al Cairo nel 1998. Numerosi i riconoscimenti: Cavaliere del Lavoro nel 1995, Donna dell’Anno a New York nel 1992, premio Marco Polo nel 1993.

L’amore per l’arte, la cultura e per la sua città fanno di Laura Biagiotti una raffinata mecenate. Attraverso la Fondazione Biagiotti Cigna, istituita in memoria del marito, fa dono alla città di Roma di 170 opere del pittore futurista Giacomo Balla, sponsorizza la ricostruzione del sipario del Teatro la Fenice di Venezia e il restauro della scalinata di Michelangelo al Campidoglio per il Giubileo dell’anno 2000.  Sempre nel 2000 è stata nominata presidentessa del Comitato Leonardo.

Tutto procede secondo tradizione: l’amato cachemire, l’adorato bianco, la sperimentazione sulla materia, le citazioni colte sono i protagonisti di ogni collezione di questa signora che, nel 2002, ha festeggiato i 30 anni di militanza nella moda. Nella sfilata di compleanno, la proposta del cachemire lavato a 100 gradi e infeltrito, tanto da sembrare lussuosa felpa.

Laura-land, il mondo di Laura Biagiotti, è fatto di piccole grandi invenzioni, come la stampa souvenir (estate 2003), con intarsi di cartoline d’antan, orlate di pizzi. Non casuale, perché le Poste Italiane hanno emesso oltre due milioni di francobolli con i nomi e i modelli di alcuni nostri stilisti, fra cui il suo.

Al suo fianco la figlia Lavinia, preziosa collaboratrice (responsabile dell’etichetta Laura Biagiotti Roma) anche per la sfilata dell’inverno 2003-2004, ispirata alla Russia delle rappresentazioni teatrali. Suggestioni coniugate anche al maschile, uomo vagabondo con le vacanze nel cuore.

Dizionario della Moda Mame: Laura Biagiotti. La linea di profumi Roma.
La linea di profumi Roma.

Gli anni recenti. Ulteriori riconoscimenti.

Nel corso degli anni il successo del brand Laura Biagiotti è rimasto invariato anche grazie all’introduzione sul mercato della linea Laura Biagiotti Dolls, dedicata alle più piccole, della Biagiotti Bodywear, una collezione di lingerie contemporanea e innovativa, delle collezioni Laura Biagiotti Jewelry e Laura Biagiotti Collezione Casa. Nel 2006 sono nate la collezione di camicie da uomo Biagiotti e la collezione Biagiotti Calze per uomo, donna e bambino.

Nel 2009 è stata nominata “Grande Dame 2009” ricevendo il premio Veuve Clicquot – Business Women Award. Le sono poi stati assegnati nuovi riconoscimenti, tra cui la KORE – Oscar della moda, il Premio Giovani Imprenditori e il Premio Personalità Europea. Ha inoltre pubblicato per Mondadori il libro “Pronto e Indossato”, ispirato all’omonima trasmissione che ha ideato e condotto su Radio 2 dal 2011 al 2014. È stata attiva anche nel mondo del teatro e del cinema, collaborando alla realizzazione di costumi e partecipando a film di successo, come “Venuto al Mondo” di Sergio Castellitto con Penelope Cruz e “La Grande Bellezza” di Paolo Sorrentino.

BORSALINO

Azienda fondata nel 1857 ad Alessandria, famosa nel mondo per i suoi cappelli in feltro e paglia.

Indice

  1. Le origini: Giuseppe Borsalino
  2. Artigianato
  3. Sviluppo del Brand
  4. 160 anni di attività

Le origini: Giuseppe Borsalino

Giuseppe Borsalino (1834-1900), detto “u siur Pipen”, viaggiò per Italia e Francia per apprendere l’arte della fabbricazione dei cappelli. Ottenne presto un lavoro a Parigi, da Berteil, in Rue du Temple, dove lavorò per circa sette anni. Dopo questa lunga esperienza formativa, aprì il primo cappellificio Borsalino ad Alessandria, nel 1857, un laboratorio artigianale di lavorazione del feltro.

Pubblicità Borsalino, primi '900
Pubblicità Borsalino, primi ‘900

Nel 1897 il Maestro visitò il cappellificio Battersby a Londra: leggenda narra che “senza essere visto, immerse il fazzoletto in una tinozza di “catrame” e riportò in Italia il segreto inglese per realizzare cappelli a bombetta perfetti”.

Il successo continuò anche dopo la morte di Giuseppe, quando il figlio Teresio (1867-1939) prese le redini dell’attività. In quegli anni l’azienda contava già 1.000 dipendenti, che producevano 750.000 pezzi all’anno. Sfortunatamente, negli anni ’40 le vendite di cappelli diminuirono rovinosamente, mettendo l’azienda in seria difficoltà.

Nel corso degli anni ’80, completamente ristrutturata, Borsalino iniziò a produrre anche una linea d’abbigliamento. Nel dicembre 1997, Borsalino S.p.a. di fondò Borsalino Sud, che nel gennaio ’98 acquisì il cappellificio Sabino D’Oria di Maglie.

Artigianato

Borsalino Hand made, artigianato italiano
Hand made, artigianato italiano

Borsalino: non solo un cappello, ma il simbolo di uno stile e di un mondo. In molti tentarono di imitarlo e di copiarlo, rubandone anche il nome, ma mai nessuno riuscì ad emularlo. Sinonimo di stile, questo cappello fu indossato da attori molto famosi, come Bogart, Redford, and Sinatra and Marcello Mastroianni. Negli anni Settanta l’azienda concesse l’uso del proprio nome a due pellicole di culto, interpretate da Alain Delon e Jean-Paul Belmondo: Borsalino (1970) e Borsalino & Co. (1974).

Nei primi anni del 2000, venne inaugurato il Museo del Cappello, al fine di valorizzare la storia del rinomato cappello attraverso mostre, eventi e pubblicazioni.

La produzione dei cappelli Borsalino richiedeva almeno 7 settimane di lavoro. Il lungo il processo (sfilacciatura, soffiatura, imbastitura, pre-follatura, ispezione, macerazione, follatura, assemblaggio del cofano, morendo, restringimento, irrigidimento, scottatura, umidificazione, secondo blocco, seconda ispezione, flangiatura, finitura) coniuga prospettiva industriale e spirito artigianale, tramandati di generazione in generazione.

Per i modelli in feltro sono necessari più di 50 passaggi manuali e 7 settimane di lavorazione; la realizzazione dei modelli in paglia, intrecciati manualmente, può richiedere fino a 6 mesi per ogni singolo cappello.

Borsalino Panama
Panama

Il celeberrimo cappello in paglia Panama, nato nel 1835, si trasformò ben presto in un’icona senza tempo. Per la realizzazione di un solo cappello Panama, gli artigiani Borsalino necessitavano di sei mesi di lavorazione della paglia Toquilla.

Sviluppo del Brand

Nei primi anni 2000, l’azienda intraprese numerose collaborazioni con importanti brand del mondo della moda, da Gianfranco Ferré Tom Ford, da Moschino a Yohji Yamamoto, e ancora Marni, Rochas e Nick Fouquet.

Negli anni seguenti, l’obiettivo divenne quello di allargare la produzione, introducendo calzature, caschi e persino una linea per bambini. Inoltre, Borsalino diede il via a collaborazioni con altri brand come Italian Indipendent, Marcorossi e Brands O.I.

L’azienda aprì nuove filiali negli Stati Uniti e in Europa. I cappelli Fedora erano molto popolari tra gli ebrei ortodossi, soprattutto negli Stati Uniti. In partnership con il Comune di Alessandria, nella primavera del 2006 venne inaugurato un museo dedicato alla storia di Borsalino.

Il 2013 segnò l’inizio del declino per l’azienda dell’iconico cappello: infatti, secondo quanto riportato dai giornali locali, Borsalino fu accusata di evasione fiscale. Molte furono le vendite non dichiarate, per un totale di 4 milioni di euro, senza contare altri 2,2 milioni di IVA. Da allora sino ad oggi, il brand si mise alla ricerca di nuovi investitori per riuscire a risanare l’ingente debito. La crisi persiste ancora all’inizio del 2017.

Dal 2016 l’azienda viene gestita da un fondo partecipato di investitori italiani e stranieri, con l’obiettivo di sviluppare il brand a livello internazionale e rafforzarne il ruolo di protagonista nel mondo del lusso artigianale.

Borsalino Nick Fouquet con Borsalino
Nick Fouquet con Borsalino

A settembre 2016, Borsalino ha annunciato la collaborazione con Nick Fouquet: nascono due capsule collection esclusive, una per la SS17 e una per la stagione FW17, maschili e femminili. Le collezioni fondono il fascino iconico di Borsalino con l’anima fiammeggiante di Fouquet, per offrire qualcosa di originale e unico a tutti gli amanti dei cappelli.

160 anni di attività

Con collezioni che spaziano tra cappelli, cravatte, abbigliamento, orologi, profumi e persino biciclette vintage, Borsalino anche oggi cerca di mantenere quel fascino e quella classe che ha caratterizzato il secolo scorso. Quest’anno, nel 2017, l’azienda festeggia il 160° anniversario: in data 4 aprile, il Ministero per lo Sviluppo Economico del Governo Italiano ha autorizzato l’emissione di un francobollo Borsalino, appartenente alla serie tematica “Le eccellenze del sistema economico e produttivo”.

Borsalino Made to Measure Experience Trunk
Made to Measure Experience Trunk

Dal 2 settembre al 22 ottobre 2017, in occasione di “Famiglia”, evento che celebra le eccellenze del Made in Italy, ha fatto tappa per la prima volta in Francia, allo storico magazzino Le Bon Marché, il Borsalino Itinerant Made to Measure Experience Trunk. Il baule itinerante racconta i valori e l’anima manufatturiera dello storico marchio di cappelli fondato ad Alessandria il 4 aprile 1857.