Cappuccio

Copricapo spesso di forma conica che parte dal collo. Può essere cucito o tenuto unito da bottoni o cerniera lampo, in modo da poterlo staccare. È usato soprattutto per riparare dalla pioggia, dalla neve e dal vento nell’abbigliamento sportivo, per impermeabili e giacche a vento, ma anche per mantelle, cappotti e pellicce. Indispensabile su anorak e parka. Dagli anni ’80, il cappuccio si trova incorporato anche in abiti, pullover, felpe: fa le veci del collo, della sciarpa o del foulard. Se tagliato in sbieco e molto ampio, forma un morbido drappeggio sulla schiena o ricade sul davanti, come i colli a cappuccio di una volta. Un tipo particolare di cappuccio è la cagoule, simile a un passamontagna, più aderente alla testa e al collo, spesso chiusa da una coulisse o attaccata a una sciarpa.