Capogrossi

Giuseppe (1900-1972). Pittore italiano. Disegna gioielli, rifacendosi alle composizioni astratte dei suoi quadri. In particolare adotta sia nelle tele sia nelle spille, un segno a rebbi che ripete con diverse configurazioni creando contrasti di colore con i materiali. In una spilla del 1950 assembla oro giallo, diamanti, corallo e onice. Fra i primi artisti in Italia a dedicarsi alla pittura informale segnica, il romano Capogrossi ha collaborato, all’inizio degli anni ’50, con la sarta Marucelli. Restano nella collezione di Giancarlo Calza, il figlio della stilista, alcuni abiti di taffetà con disegni originali dell’artista e un vestito da sera della collezione autunno-inverno ’67-68 in paillette con decorazioni astratte.