Boyle

Lavora dall’89 a Parigi. Ammette di essere molto influenzata dall’arte di Marc Rothko, Andy Warhol e Barnett Newman. Appartiene alla scuola minimalista.