Boa

Accessorio femminile di ascendenza blasonata. Rappresenta la trasformazione della Palatina, una sciarpa in pelliccia indossata dalla cognata di Luigi XIV, Re Sole, ed è comunemente associato a un tipo di seduzione femminile esplicita e diretta sullo sfondo delle notti mondane negli anni della Belle Époque, dei musical e del varieté dominati dalle mitiche soubrette alla Mistinguette, dei set cinematografici con le immortali dive platinate stile Mae West. Il nome di quest’accessorio deriva da quello del boa constrictor perché come il serpente avvolge collo e spalle di chi lo indossa. La denominazione appare per la prima volta all’inizio del XIX secolo e serve per coprire le scollature e le spalle nude dei modelli da sera. La pelliccia del modello originario scompare per lasciare spazio alle piume, in special modo a quelle di gallo e di struzzo che lo contraddistinguono a partire dalla fine dell’800 e nei primi del ‘900. Gli anni ’20 sono uno dei suoi momenti di massimo fulgore, con un revival nel decennio seguente e negli anni ’60 periodo del boom economico italiano.