Bikkembergs

Nasce a Flamershem. Studia alla Royal Academy of Arts di Anversa. La sua carriera inizia nel 1982. Fino all’87 lavora per Fashion Brand, un’azienda belga di prêt-à-porter. Ma è il 1986 la data decisiva per lo stilista: l’assegnazione del terzo Golden Spindel, come migliore fashion designer dell’anno, coincide con la decisione di lanciare la sua linea. Presentata a Londra nel marzo di quell’anno, comprende solo calzature da uomo e, nel corso del tempo, la completa con collezioni maschili di camicie e maglieria. Il suo debutto nel prêt-à-porter da uomo è a Parigi nel gennaio dell’88, mentre la sua prima sfilata istituzionale è del settembre dello stesso anno, sempre nella capitale francese. La prima collezione donna risale invece al ’93, anche questa incentrata soprattutto su pelle, maglieria e calzature. Nel ’96 nasce, affiancandosi a quella maschile, anche una linea di scarpe femminili, con pochi modelli, ma molto innovativi. Nella primavera-estate dello stesso anno lancia Bikkembergs, una linea uomo veloce e dinamica, creata e realizzata pensando a un target giovanile.
2000. Presenta in sequenza la linea donna White Label, la linea scarpe, la jeans collection Red Label per uomo e donna.
2003, giugno. Per la stagione 2003-2004 le divise dell’Inter sono firmate Dirk Bikkembergs. Passerella d’eccezione quindi, per lo stilista belga che presenta la collezione nella sede del club, in via Durini. L’accordo con la società nerazzurra è il coronamento della passione di una vita, con una carriera segnata da sfilate negli stadi e collezioni di maglieria femminile decorate con numeri da squadra di calcio.Appassionato di sport, Dirk decide di immergere se stesso nella realtà del calcio: compra la squadra F.C. Fossombrone e nel 2005 la rilancia nei campionati italiani amatoriali. I calciatori sono interamente vestiti Bikkembergs, dall’intimo che deve essere comodo e performante, alle divise realizzate con tessuti adatti alle necessità degli sportivi.