Bally

Diventata un colosso del settore, con 6 fabbriche nella madre patria, 2 in Francia, una in Inghilterra e una capillare rete di distribuzione in Europa. Si fa vanto di avere coniugato la produzione in serie e l’alto artigianato. Fu Carl Franz Bally a fondarla nel 1851 a Schönenwerd. Cinquant’anni dopo, l’azienda approda in Francia e, negli anni ’30, ha 56 negozi fra Parigi e provincia. Verso il 1965, sono 240 i negozi Bally in 50 paesi stranieri. Nel ’78, il Gruppo è assorbito dalla holding svizzera Oherlikon Burhle. All’inizio degli anni ’90, Bally entra anche nel mercato dell’abbigliamento, ma il core business resta quello delle calzature: circa 9 milioni di paia di scarpe prodotte ogni anno. Questo marchio non si preoccupa di messinscene particolari, di scioccare con scoop da passerella, di accaparrarsi "top" a suon di bigliettoni. No, bada al sodo, e quindi ha come punto di riferimento la vendita: la collezione è realizzata soprattutto in pelle, tanto bella e morbida da sembrare tessuto. Si apprezza da vicino perché ci sono tagli, intrecci, pieghe, particolari di sapienza sartoriale: moda da indossare, eleganza "pulita" che comincia dal basso perché, non dimentichiamolo, è soprattutto un colosso delle calzature

Nel biennio 1999-2000, la compagnia Americana Texas Pacific Group (TPG) acquisisce Bally da Oerlikon-Bührle Holding Ltd. Il brand lancia quindi una nuova strategia volta al riposizionamento della compagnia come marchio di lusso. Nel 2002 Bally International AG annuncia che Marco Franchini è stato nominato CEO. Vengono nominati anche i nuovi Design e Product Director. Nel corso degli anni Bally continua ad inaugurare nuovi negozi e a rinnovare quelli già esistenti. Con la ristrutturazione delle boutique di Londra, Hong Kong, Ginevra, Beverly Hills, Mosca, Kiev e con le inaugurazioni dei nuovi negozi a Sydney, Las Vegas, Johannesburg, Kuwait, Taipei, Changsha e Shenzhen (Cina) il nuovo "store concept" viene ulteriormente implementato. Essendo il marchio internazionale del lusso che vanta oltre 155 anni di storia e avendo un giro d’affari che migliora e si rafforza di anno in anno, Bally nel 2007 si affida a un direttore creativo: Brian Atwood, che in soli dieci anni è diventato uno dei designer di calzature più influenti nel settore. Brian coordina tutti gli aspetti del design ed è a capo del design team composto da Johnny Coca, Andrea Pompilio e Sara Johnson. Nell’autunno-inverno 2007 Bally continua a espandere la propria rete di punti vendita con le nuove aperture di Berlino, Odessa, Mosca, Donetsk, Krasnoyarsk, Damasco e Bucarest. Il 22 aprile 2008 LABELUX Group, una nuova holding operante nel settore del lusso con sedi a Vienna e Milano di proprietà della holding viennese a conduzione familiare Joh. A. Benckiser SE, annuncia di aver raggiunto un accordo con TPG Capital per l’acquisizione di Bally International AG.