Baguette

Mini borsetta firmata Fendi che prende il nome dallo sfilatino di pane francese perché come questo può essere portata comodamente sotto il braccio, grazie a un manico lungo 40 centimetri. È stata presentata per la prima volta nella primavera del ’96 e da allora è diventata oggetto di culto: collezionata da personaggi come Caroline di Monaco, Sharon Stone, Sofia Loren, Madonna, Elizabeth Hurley e Catherine Deneuve. Pensata da Silvia Venturini Fendi, 37 anni, figlia di Anna e responsabile di tutti gli accessori della maison romana, la Baguette viene rielaborata ogni stagione con materiali e decorazioni diverse. Si passa dal tessuto impermeabile Dreso al coccodrillo con variazioni sul tema tipo cuoio dipinto a mano, cachemire oppure broccato a motivi floreali copiati dalla Primavera del Botticelli e realizzato dalla Fondazione Lisio di Firenze con una tecnica del 1770. Di questa stoffa attualmente se ne producono solo 5 centimetri al giorno e siccome la Baguette misura 27 per 16 centimetri senza contare il manico, la versione Heavenly Spring è a tiratura limitata. Alcuni dei modelli sono addirittura pezzi unici, decorati con autentiche pietre dure, perle e cristalli preziosi. Succedanea della Baguette è una micro-borsa coloratissima che Fendi ha battezzato Croissant. (Daniela Fedi) &quad;Nel 2007 Fendi celebra i dieci anni della sua inconfondibile borsa Baguette con una collezione dal nome “Anniversary” dove a trionfare su tutto è il colore in tonalità brillanti. In particolare, oltre a una special Baguette e a una esclusivissima limited edition di soli quaranta pezzi, per l’occasione Silvia Venturini Fendi ha presentato una versione speciale della borsa Baguette, in canvas bianca, messa all’asta all’evento Amfar presentato da Sharon Stone durante la Festa del Cinema di Roma.