Avoledo

Patrizia (1952). Giornalista italiana. Direttore di Donna Moderna, settimanale femminile della Mondadori. Milanese, entra giovanissima nell’azienda editoriale come centralinista. In seguito, dopo studi di psicologia e pedagogia e un periodo alla segreteria del settore editoriale, inizia a collaborare a DuePiù. È l’avvio di una grossa carriera. Caporedattore a DuePiù nell’85, passa poi a dirigere Dolly (uno specializzato) e, nell’89, è a Cento Cose come vicedirettore di Kicca Menoni. Approda nel ’91 al nuovissimo Donna Moderna (sempre Mondadori) come vice di Edvige Bernasconi che aveva brillantemente ideato e lanciato la testata, portandola a un’enorme diffusione. Nel ’95, ne assume la direzione. Donna intelligente, profonde nel giornale una grande passione e, coadiuvata dal vicedirettore Cipriana Dall’Orto, consolida il successo della testata, vero e proprio fenomeno editoriale nel settore dei femminili, con una diffusione settimanale attestata sulle 650 mila copie. &Quad;2000. Vince il Premio Marisa Bellisario nella sezione Premi Speciali. La motivazione evidenzia “l’impegno, la tenacia e l’ottimismo manifestati alla guida del settimanale femminile più diffuso in Italia”.