ALEXANDER WANG

Alexander Wang autunno/inverno 2017

Stilista americano ed ex direttore creativo di Balenziaga. È famoso per aver creato uno stile unico e del tutto anti-conformista.

Indice

  1. Le origini
  2. Il successo
  3. Le ispirazioni di Alexander Wang
  4. Balenciaga

Le origini

Alexander Wang (San Francisco, 26 dicembre ’80) è uno stilista americano di origine taiwanese. Appassionato di moda fin dall’età adolescenziale, Alexander Wang seguendo il richiamo della moda, lascia la famiglia (che l’ha sempre sostenuto in ogni sua scelta) per trasferirsi a New York.

Nella Grande Mela studia alla Parsons School, prestigiosa scuola di arte e design; percorso accademico che non lo soddisfa pienamente visto che, dopo un anno di studi, comprende che il design si impara sul campo.

Il successo

Il successo di Alexander Wang è stato sostenuto dal Council of Fashion Designers of America per un riconoscimento legato alla linea womenswear (2007) che gli è valso un premio di 200.000 dollari. Nella teca dei premi, lo stilista vanta anche il Fashion Fund Award Winner indetto dalla rivista Vogue America.

Alexander Wang Primavera 2007
Primavera 2007

Wang è famoso per aver creato una moda anti-conformista. Nelle sue collezioni, l’individualismo è stato annullato quasi del tutto, aprendo il varco per la moda gender. Capi basici sono sostenuti da pregiati filati come cachemire talvolta mixato al cotone e al lino. La palette di colori non è sicuramente generosa nelle tonalità.

Le ispirazioni di Alexander Wang

Designer come Martin Margiela e Ralph Lauren sono, per lui, idoli da seguire perché “sempre fedeli alla loro visione”.

Non ho mai creduto nell’innovazione fine a se stessa, preferisco ragionare su cosa significhi oggi la modernità. Ho anche cercato la parola sul vocabolario per essere davvero preciso: è moderno ciò che hai davanti, quello che vivi, la tua realtà, e io riproduco ciò che vedo”. Alexander Wang

Balenciaga

Alexander Wang per Balenciaga
Alexander Wang per Balenciaga

Il suo “creare moda”, sempre sui generis, gli permette di sedere sull’ambita poltrona di Balenciaga, vestendo i panni di direttore creativo dopo l’addio alla maison di Nicolas Ghesquière.  Era il dicembre del 2012. Dopo tre anni di sodalizio, cede il posto a Demna Gvasalia.

È con marchi come H&M e Adidas che riesce a conquistare una buona fetta di mercato. Per la catena di moda low cost, Alexander elabora una capsule collection legata alla moda sportwear; per Adidas Original, invece, rivede i codici estetici del marchio, capovolgendo di 180° lo storico logo dell’azienda.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *