Alaïa

Minuscolo come lo spiritello della lampada di Aladino (il suo primo nome ne è quasi l’assonanza), Alaïa, approdato a Parigi nel 1957 come apprendista scultore dall’École des Beaux Arts di Tunisi, sua città natale, è diventato negli anni ’80 un grande della moda, con un segno inconfondibile, pur restando un infaticabile artigiano. Dalla passione per la scultura gli deriva il senso tridimensionale dell’abito, che tanto spesso esalta la schiena e il fondoschiena ("Sono il centro della seduzione femminile", ama dire). Lo studio della storia del costume e dei sarti del ‘900, da Madeleine Vionnet a Poiret a Balenciaga, gli trasmette i canoni dello stile più alto. Il lavoro quotidiano di taglio e cucito, le lunghe sedute di prova con le prime esigentissime clienti, da Simone Zehrfuss a Louise de Vilmorin, da Cécile de Rothschild ad Arletty, lo introducono alla perfezione e alla sicurezza del mestiere.

Nel ’65 Alaïa apre il suo primo atelier (due stanze in rue de Bellechasse, sulla Rive Gauche della Senna), che diventa meta di un pellegrinaggio cosmopolita sull’onda del passaparola più sofisticato: nel corso degli anni avvicina e conquista una clientela giovane e all’avanguardia con gli abiti fascianti di maglia nera, le giacche modellate dalle cerniere lampo, le cinture e i guanti in cuoio borchiato o traforato. Nell’80, presenta la sua prima collezione. Nell’82, una sfilata nel grande magazzino di lusso Bergdorf Goodman a New York gli apre le porte dell’America e del successo internazionale. Da rue de Bellechasse, nell’85 si trasferisce in un antico ostello del Marais ristrutturato dall’amica architetto e designer Andrée Putman, ma nel ’90 si innamora di un ex laboratorio industriale in rue de la Verrerie e lo trasforma in casa atelier con l’aiuto dell’artista americano Julian Schnabel. Lo stilista franco-tunisino è rimasto appartato dal sistema della moda, dal mercato finanziario e dallo show business, nonostante il crescente successo: il 14 luglio ’89, Jessye Norman canta la Marseillaise del Bicentenario con un suo abito bianco rosso blu; nel ’97, il museo olandese di Groningen, progettato da Alessandro Mendini, gli dedica una grande personale, con opere di Andy Warhol, Picasso, Schnabel, Basquiat, César accostate agli abiti. Dal ’93, ormai, ha rinunciato alle sfilate e alla presentazione delle collezioni secondo il calendario della Chambre Syndicale che detta legge a Parigi.

Nel 2000 firma un contratto di partnership con il Gruppo Prada, lo stesso anno in cui il Guggenheim di New York gli dedica una mostra monografica e nel 2002 ritorna sulle passerelle dell’Alta Moda francese. L’aver lavorato per Prada ha determinato un effetto rigenerativo per lo stilista che nel luglio del 2007 riacquista la propria maison e il proprio marchio, anche se la divisione calzature e accessori continuano ad essere prodotti dal gruppo.